Home / COMUNICATI STAMPA / Praia a Mare, attacco su nuove assunzioni in comune

Praia a Mare, attacco su nuove assunzioni in comune


Alternativa e Sel criticano la gestione finanziaria della Giunta Praticò dopo la pubblicazione dei nuovi bandi assunzione.

PRAIA A MARE – “Alcuni giorni fa sono stati pubblicati i primi bandi che prevedono la selezione di due nuove assunzioni per l’area finanziaria e urbanistica posizione D. Continua la politica di sprechi e di tasse ad opera degli amministratori del Comune di Praia a Mare”.

È quanto sostengono in una nota congiunta Antonio Mandarano, coordinatore del Movimento l’Alternativa, e Francesco Marsiglia, consigliere comunale e segretario del circolo Sel di Praia a Mare.

“Attualmente – spiegano i due – il Comune di Praia a Mare ha alle sue dipendenze ben 59 addetti a tempo indeterminato oltre ai numerosissimi lavoratori a tempo determinato delle cooperative sociali, superiore al numero 45 che è la media dei dipendenti nei comuni con numero di abitanti compresi tra 5mila e 9mila 999, ciò sancito dal Ministero dell’Interno con il decreto del 24 luglio 2014.

Un aggravio di spese – proseguono – che, in aggiunta ai 14 dipendenti in esubero, porterebbe la spesa ad oltre 500mila euro annui. È un provvedimento che non condividiamo poiché le imposte devono servire a coprire i servizi e non ulteriori aggravi di spesa per posizioni lavorative apicali che allo stato attuale sono presenti.

Ma d’altronde, questa è sempre stata la politica di chi ha amministrato Praia per decenni. Il “nostro” sindaco, nel 1985, ebbe il coraggio, insieme all’amministrazione democristiana dell’epoca, di presentare in Consiglio comunale una proposta di ristrutturazione della pianta organica del comune, che prevedeva l’incremento del personale a tempo indeterminato da 23 ad 85 addetti giustificandolo che non avrebbe comportato ulteriori aggravio di spesa ma nello stesso tempo ci sarebbe stata l’occupazione giovanile.

Proprio dal 1985 l’equilibrio finanziario dell’ente subì degli squilibri e nel 2008 la Corte dei Conti, con la deliberazione 140, certificò che l’amministrazione comunale a guida Praticò, nell’anno 2006, anziché ridurre la spesa per il personale dell’1 percento, come prevedeva la legge, aumentò tale spesa del 18 percento.

Purtroppo – continua la nota – le scelte scellerate di chi ci amministra hanno creato un deficit strutturale per la cassa comunale che costringe i cittadini a pagare ogni anno sempre di più, con inevitabili ripercussioni per tutto il circuito economico. La pressione fiscale continua ad essere ai massimi storici, si è attestata a mille 49 euro per abitante nel 2015, oltre il doppio rispetto al 2011, ultimo anno di gestione della precedente amministrazione. Una spesa procapite che non ha precedenti a cui non corrispondono miglioramenti dei servizi.

Per il gruppo politico L’alternativa e Sel Praia, necessita una urgente e graduale riduzione della spesa corrente perché ciò costituisce la maggiore voce di spesa del bilancio comunale. Solo in questo modo le risorse risparmiate potranno essere reinvestite per il miglioramento dei servizi pubblici e per favorire gli investimenti di soggetti privati, soprattutto in ambito turistico.

Noi – concludono Mandarano e Marsiglia – vogliamo lavorare al fianco degli imprenditori e non sostituirci a loro, vogliamo creare i presupposti perché possano investire sul nostro territorio e creare ricchezza per loro, per la nostra città e per i propri dipendenti. Intendiamo gettare le basi per creare le opportunità di un lavoro serio e duraturo per i nostri giovani e ridare finalmente dignità alle persone che ancora vivono nel precariato con stipendi da fame”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Maratea, pescatori e ristoratori al lavoro sul Garum

Assopescatori, Wwf e Laboratorio gastronomico di Maratea lanciano l’idea progettuale: riscoprire e produrre la salsa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright