Home / COMUNICATI STAMPA / Turismo, B&b irregolari scoperti sulla costa

Turismo, B&b irregolari scoperti sulla costa


Operazione della guardia di finanza di Cosenza sulla costa dell’Alto Tirreno cosentino. Scoperti molti bad and breakfast senza autorizzazioni. Sanzionati i responsabili.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

COSENZA – Bed and breakfast non autorizzati sono stati scoperti sull’Alto Tirreno cosentino dalla guardia di finanza del comando provinciale di Cosenza. I responsabili sono stati sanzionati.

I finanzieri avrebbero dunque condotto una serie di controlli “scoprendo strutture alternative ad hotel ed alberghi che non rispettavano la normativa prevista per la gestione e l’offerta di servizi ricettivi”. Il comunicato stampa diffuso questa mattina è corredato da una foto effettuata a Scalea, ma potrebbe non essere l’unico comune interessato.

gdf_scalea_in

Sarebbe risultato che molti turisti dell’area in questione usufruiva di strutture ricettive spacciate per bed and breakfast, in alcuni casi anche attraverso canali pubblicitari nazionali, che in realtà operavano senza le autorizzazioni previste dalla legge regionale della Calabria numero 2 del 26 febbraio 2003.
”Confrontando i dati relativi alle presenze in alberghi e hotel – sostiene la guardia di finanza di Cosenza – collegate agli andamenti dei consumi idrici e di energia e consultando fonti aperte quali le recensioni di viaggiatori presenti su siti specializzati nell’offerta di struttura dove pernottare, sono state individuate diverse attività irregolari.

In particolare, in diversi casi sono emerse violazioni compiute dai gestori dei b&b, che non provvedevano ad effettuare le previste comunicazione di pubblica sicurezza inerenti i soggetti alloggiati presso le proprie strutture, rendendosi autori della violazione disciplinata dagli articoli 17 e 109 del Tulps e che prevede sanzioni amministrative.

In altri sono stati riscontrati degli omessi versamenti della tassa di soggiorno agli enti comunali preposti per la riscossione, incorrendo in sanzioni che singolarmente possono arrivare fino a 500 euro”.

Le fiamme gialle sostengono inoltre di aver individuato un bed and breakfast senza autorizzazione presente su molti siti internet di recensioni e il cui titolare è incorso in una sanzione fino a mille euro.
”Infine – concludono i finanzieri – i controlli sul rispetto degli adempimenti fiscali facevano emergere che diversi gestori di b&b utilizzavano indebitamente costi e spese relative alle proprie abitazioni per dedurle dalla contabilità delle proprie strutture ricettive”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Scalea, nessuna rapina armata con la scusa delle mascherine

L’avviso del commissario Guetta è un avvertimento dopo quanto avvenuto in altre parti d’Italia. L’Arma: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright