Home / COMUNICATI STAMPA / Sanità, Spolitu ha occupato l’ex ospedale di Praia a Mare

Sanità, Spolitu ha occupato l’ex ospedale di Praia a Mare


“Istituzioni silenziose”. Spolitu ha occupato l’ingresso dell’ex ospedale di Praia a Mare in segno di protesta per lo stallo sulla riconversione della struttura sanitaria.


PRAIA A MARE – Gino Domenico Spolitu, questa mattina, ha occupato pacificamente l’ex ospedale di Praia a Mare.

Il referente dei comitati civici Difesa della sanità pubblica a partire dalle 9 e 30 ha iniziato la sua ennesima protesta presidiando un’area dell’ingresso della struttura sanitaria praiese.

“Questa estrema prova di forza – riferisce Spolitu in un comunicato stampa – si è resa necessaria a causa del silenzio delle istituzioni sulle problematiche che hanno
portato alla dequalificazione dell’ospedale di Praia a Mare. Si tiene a precisare che un’eventuale deprecabile intervento nei miei riguardi della magistratura e delle forze dell’ordine dovrà essere parallelo a simili interventi nei confronti di chi non ha rispettato e non rispetta le leggi e le sentenze dei tribunali della Repubblica.

Sono pronto ad incontrare pubblicamente il prefetto di Cosenza, il presidente della Regione Calabria, il commissario alla Sanità regionale ed il direttore generale dell’Asp di Cosenza, nella speranza che vogliano e sappiano dare risposte significative e concrete.
Informo infine che in caso di forzato sgombero, il giorno dopo tornerò ad occupare lo stesso ospedale e se me ne sarà precluso l’accesso lo farò nei vicini ospedali di Cetraro, Paola e Cosenza”.

Il manifesto provocatorio di Spolitu
Il manifesto provocatorio di Spolitu
Gino Domenico Spolitu occupa l'ex ospedale di Praia a Mare
Gino Domenico Spolitu occupa l’ex ospedale di Praia a Mare

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Tortora, torna il bollettino Covid: sono 130 i cittadini positivi

L’ultimo aggiornamento risaliva allo scorso 7 gennaio quando i casi attivi erano più di 200. …