Home / COMUNICATI STAMPA / Isola di Dino, riconosciuto alto valore ambientale delle grotte

Isola di Dino, riconosciuto alto valore ambientale delle grotte


La Regione Calabria innalza al livello massimo la valenza ambientale delle grotte marine dell’Isola di Dino. Italia nostra: “Ci abbiamo creduto da soli”.

green multiservice disinfezione

PRAIA A MARE – La Regione Calabria ha riconosciuto il valore più alto di classificazione di valenza ambientale alle Grotte dell’Isola di Dino.

Lo riferisce Italia nostra presidio di Praia a Mare commentando la recente adozione da parte del dipartimento Ambiente e territorio della Regione Calabria del decreto dirigenziale “Rete natura 2000. Formulari standard dei Sic 9310034 Isola di Dino e IT9310035 Fondali Isola di Dino – Capo Scalea. Approvazione Aggiornamento”.

Con il documento in questione il valore ambientale di 6 grotte marine dell’isola praiese passa dalla categoria D ad A, il più alto possibile.

Il commento degli ambientalisti non cela tanto la soddisfazione quanto una vena polemica. “È stata un’iniziativa che Italia Nostra ha voluto e che ha costantemente reso pubblica, ma che ha portato avanti da sola, senza il contributo o l’ausilio di altri soggetti che dovevano interessarsene perché tale riconoscimento ambientale avrebbe accresciuto il valore del nostro territorio.

È stata un’iniziativa che ci ha visto collaborare con l’Università della Calabria – Museo di Storia Naturale ed Orto Botanico e con i referenti del progetto Pan-life che hanno verificato il materiale da noi trasmesso come base scientifica per modificare il valore qualitativo attribuito all’habitat 8330 Grotte marine sommerse e semisommerse e che hanno riconosciuto in una nota l’ utilissimo contributo dato da Italia Nostra alla valorizzazione ed alla più adeguata tutela di un sito di particolare rilevanza naturalistica e paesaggistica.

Tutto ciò si è ottenuto grazie anche al generoso contributo scientifico dato da Rosaria ed Enrico Gargiulo, che qui ringraziamo pubblicamente. Gli illustri fotografi subacquei, insigniti nel 1988 ad Ustica del Tridente d’oro, e tra i primi in Italia ad utilizzare l’immersione nella ricerca scientifica, nei loro soggiorni estivi a Praia a Mare a partire dai primi Anni ’60 hanno studiato lungamente e fatto conoscere in Italia e nel mondo le bellezze dell’Isola di Dino, le sue grotte, e tra queste la grotta Gargiulo che porta il nome dei suoi scopritori, la foresta di gorgonie al largo del frontone ed i meravigliosi fondali, oggi purtroppo non più come un tempo per l’azione di degrado causata da più fattori non adeguatamente contrastati in questi anni per la disattenzione e l’incuria di chi doveva vigilare e proteggerli, fondali che oggi reclamano a gran voce, e noi ce ne stiamo facendo interpreti, di essere salvaguardati e protetti per poter ritornare splendidi come erano un tempo.

Al riconoscimento scientifico della loro grande valenza ambientale, per le grotte dell’Isola di Dino deve ora far seguito una immediata e necessaria azione di tutela e di salvaguardia da tempo chiesta da Italia Nostra e dalla stessa Regione Calabria, in una attiva collaborazione tre istituzioni locali, operatori delle visite spesso insensibili o disattenti a tale problematica”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Skalea è Solidale, volontari raccolgono cibo

L’associazione cittadina, non nuova a queste iniziative, ha organizzato la raccolta e la distribuzione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright