Home / COMUNI / CETRARO / Omicidio Giordanelli, abbreviato per Di Profio

Omicidio Giordanelli, abbreviato per Di Profio

Chiesto il rito abbreviato per Paolo Di Profio, accusato dell’uccisione di Annalisa Giordanelli. Deciderà il Gip di Paola che intanto esclude la costituzione parte civile del comune di Cetraro.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

CETRARO – Nell’ambito dell’omicidio Giordanelli, è stata avanzata richiesta di rito abbreviato condizionata alla consulenza psichiatrica.

Si è aperto così, ieri mattina, dinanzi al Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Paola, Maria Grazia Elia, il processo a carico di Paolo Di Profio. L’uomo è accusato di aver ucciso il medico di base di Cetraro Annalisa Giordanelli. Nel corso della prima udienza preliminare è stata fatta richiesta di costituzione parte civile dal comune di Cetraro che è stata però respinta dal giudice.

Di Profio, che è difeso dall’avvocato Sabrina Mannarino del foro di Paola, è stato arrestato dopo accurate indagini dei carabinieri della stazione di Cetraro e della compagnia di Paola.

I sospetti si erano concentrati subito attorno a lui. E dopo un interrogatorio di circa 10 ore in caserma è crollato, confessando l’omicidio agli investigatori. Attribuiva al medico la fine del suo matrimonio con Serena Giordanelli, sorella della vittima. Il 39enne infermiere si è avvalso poi della facoltà di non rispondere alla presenza del suo avvocato e del pubblico ministero.

A rappresentare l’accusa è il pubblico ministero Cerchiara. L’udienza è stata aggiornata a lunedì prossimo quando sarà interrogato proprio Di Profio. A suo carico, come si legge nel dispositivo di convalida del fermo sussistono “gravi, precisi e concordanti indizi. Ciò si desume dal compendio investigativo agli atti, corroborato dalle risultanze dei rilievi ematici riscontarti in casa del fermato su suoi effetti personali ed all’interno dell’autovettura, da quelle delle immagini video filmate estrapolate da impianti privati immortalanti la sua autovettura transitare sui luoghi del delitto in orari pienamente compatibili con l’evento, nonché dagli esami sulla salma della Giordanelli e dalle analisi sull’arma impropria utilizzata per il delitto e su quanto in sequestro poste in essere dai solerti ufficiali del Norm dei carabinieri di Paola”.

L’avrebbe uccisa con un piede di porco per poi cercare goffamente di nascondere l’arma e i vestiti sporchi di sangue.

OMICIDIO GIORDANELLI DAL NOSTRO ARCHIVIO


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

percettori reddito di cittadinanza

Diamante, al via i progetti per i percettori del Reddito di Cittadinanza

Partono i progetti Puc per i percettori di reddito di cittadinanza. 20 lavoratori pronti a …