Home / COMUNI / CETRARO / Omicidio Giordanelli, Di Profio rinviato a giudizio

Omicidio Giordanelli, Di Profio rinviato a giudizio


Paolo Di Profio, l’assassino di Annalisa Giordanelli, andrà a processo il 6 febbraio 2017 con rito ordinario. Scartata l’ipotesi dell’abbreviato.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

CETRARO – Il Giudice per le udienze preliminari del tribunale di Paola, Maria Chiara Elia, ha rinviato a giudizio Paolo Di Profio.

Il processo per l’uomo accusato dell’omicidio del medico Anna Giordanelli si aprirà in Corte di assise a Cosenza il 6 febbraio 2017. Scartata l’ipotesi dell’abbreviato semplice, i legali dell’uomo hanno quindi optato ieri pomeriggio per il rito ordinario.

Dopo una lunga discussione, l’avvocato Sabrina Mannarino in rappresentanza di Di Profio ne ha chiesto il non luogo a procedere, mentre le altre parti compreso il PM hanno chiesto il rinvio a giudizio. Il Gip si è quindi ritirato per la relativa camera di consiglio e la decisione.

È stata un’indagine lampo quella dei carabinieri della compagnia di Paola, guidati dal comandante Antonio Villano, che in meno di 24 ore sono riusciti a chiudere il cerchio sul 47enne infermiere.

Incastrato dalle telecamere in un primo momento e poi da alcune testimonianze che hanno confermato i sospetti degli inquirenti. Quindi in parallelo ci si è avvalsi del lavoro del nucleo speciale dei Ris dei carabinieri che hanno rilevato tracce ematiche e impronte digitali, dando riscontri importanti all’impianto accusatorio.

I militari del reparto investigazioni scientifiche di Messina si sono occupati del Dna e dei reperti biologici in generale prestando particolare attenzione alle tracce organiche rinvenute sulla scena del crimine, sull’arma del delitto (un comune piede di porco) e sui vari reperti.

Sono stati quindi effettati nuovi sopralluoghi e analizzate le tracce di sangue. Dopo sei mesi l’indagine è stata chiusa e il 10 novembre ha avuto luogo la prima udienza preliminare. Nella seguente l’uomo ha confessato in aula l’omicidio chiedendo perdono alla famiglia del medico. Ha ammesso di aver fatto uso di cocaina e alcool, di aver visto passare la Giordanelli, di averla seguita per poi fermarla e colpirla alle spalle con diverse sprangate. Una violenza inaudita in un momento di follia.

OMICIDIO GIORDANELLI DAL NOSTRO ARCHIVIO



About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Diamante, minaccia con pistola il vicesindaco: denunciato un uomo

Pino Pascale è stato fermato per strada da un concittadino che avrebbe “rafforzato” la sua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright