Home / COMUNICATI STAMPA / Lauria, aree servizio A3: un tavolo per la soluzione

Lauria, aree servizio A3: un tavolo per la soluzione


Stallo insopportabile nella vicenda dei lavoratori delle aree di servizio autostradali di Galdo di Lauria. Lamboglia alza la voce: “Subito un tavolo e facciamolo qua”.


LAURIA – La vicenda dei posti di lavoro nelle aree di servizio lungo l’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria in località Galdo di Lauria continua ad essere in stallo e il sindaco Angelo Lamboglia alza di nuovo la voce: è necessario un tavolo tra le parti coinvolte e che si faccia a Lauria.

“Provo una certa irritazione – dichiara Lamboglia – di fronte al sostanziale stallo sul rispetto degli accordi, sulla certezza della tempistica e in generale sulla chiarezza sul futuro da parte di Anas in merito alla vertenza aree di servizio di Galdo dell’autostrada A3.

Stallo che, come giustamente ribadisce in queste ore anche il sindacato, potrebbe portare alla chiusura delle attività in essere nelle stazioni di Galdo per l’insostenibilità della situazione. Eppure, dopo l’incontro del 20 luglio scorso, avevamo avuto dall’ente gestore della rete autostradale la garanzia che ci sarebbero stati passi in avanti per quanto riguarda la fruibilità dei bandi e in ogni caso avevamo ottenuto l’assicurazione che si sarebbe gestita al meglio la fase transitoria, così da ridurre al minimo il disagio per lavoratori, gestori e indotto.

Non possiamo restare immobili rispetto allo stato di un’esperienza lavorativa che, se in passato rappresentava uno degli indotti stabili del territorio, oggi a seguito della realizzazione del nuovo tracciato è divenuta una realtà in cui rischiano di perdere tutti: lavoratori, gestori ed indotto.

Non ci si può permettere che una così importante infrastruttura come l’autostrada, che deve rappresentare un’opportunità per il territorio, rischi di trasformarsi in un’ulteriore criticità per un’area già gravata da numerose problematiche, soprattutto dal momento che, con l’apertura del nuovo tratto, i numeri sono senza dubbio aumentati.

Quindi, ribadisco la necessità che ci sia la ripresa di un tavolo negoziale con Anas, le sigle sindacali, la Regione Basilicata e tutti i soggetti coinvolti, per dar seguito all’Accordo del 2013: vogliamo un tavolo che deve essere convocato a Lauria e che deve essere chiamato a dirimere quanto si dovrà fare in futuro, ma anche ciò che dovrà essere fatto in questa fase transitoria. Un tavolo negoziale che porti a conclusioni accettabili per tutti (gestori, dipendenti ed indotto), al fine di poter trovare una soluzione definitiva a una questione così sentita da un’area che non può essere ulteriormente mortificata.

A questo scopo, ho intenzione di inviare una lettera al Ministero delle Infrastrutture, ad Anas e a Regione Basilicata per accelerare i tempi di risoluzione della vicenda. Resta confermata la nostra disponibilità al dialogo ed al confronto, ma in assenza di attenzione in merito e qualora i nostri appelli dovessero rimanere inascoltati, saremo costretti a valutare tutte le iniziative idonee per mettere in atto azioni di tutela degli interessi del nostro territorio”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

praia elezioni

Elezioni comunali Praia a Mare, #Puntoeacapo: terzo comizio in località Laccata

“Non c’è incontro senza ascolto. Abbiamo parlato con i cittadini prima di fare il programma”, …