Home / IN PRIMO PIANO / Lauria, accolte tre famiglie siriane

Lauria, accolte tre famiglie siriane


In arrivo in città tre famiglie di profughi siriani nell’ambito del Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati (Sprar). Lamboglia: “Lavoriamo per offrire accoglienza”.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

LAURIA – Tre famiglie siriane, in tutto 12 profughi, saranno ospitati a Lauria nell’ambito del programma di reinserimento del Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) del Ministero dell’Interno.

L’amministrazione comunale ne ha avuto conferma dal servizio centrale dello Sprar dopo aver attivato il programma finanziato con il Fondo europeo asilo, immigrazione ed integrazione (Fami).

“Il programma – informano dal municipio – garantisce ai nuclei familiari che hanno già ottenuto asilo o protezione all’estero ed hanno ingresso legale in Italia, misure di tutela psico-sociale e legale, accompagnamento e assistenza all’accesso ai servizi sanitari ed educativi, formazione e riqualificazione professionale, finalizzati alla costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico”.

Le tre famiglie atterreranno a Lamezia Terme martedì 29 novembre. Ad attenderli, una delegazione ufficiale della Provincia di Potenza, di Arci Basilicata e della fondazione Città della pace. Poi il viaggio fino a Lauria dove saranno accolti in abitazioni a loro destinate dal progetto Sprar.

“Così come stabilito in occasione delcConsiglio comunale aperto dello scorso settembre – afferma il sindaco Angelo Lamboglia – stiamo cercando di organizzarci per offrire la migliore accoglienza possibile, nell’ottica dell’integrazione sociale”.

I siriani fuggono dal loro paese a causa delle violenze dell’Isis e a causa del conflitto tra le truppe governative del presidente della repubblica Bashar al-Assad e le truppe ribelli.

Nella pagina tematica della Siria il sito di Limes scrive: “A quattro anni dall’inizio della guerra civile, in Siria ci sono combattenti locali e non. La Russia e l’Iran sostengono Asad, mentre Usa e Stati del Golfo armano i ribelli. Lo Stato Islamico sembra solo contro tutti, ma nessun contendente vuole o può vincere davvero”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Praia a Mare, pesce in dono alle parrocchie per le famiglie bisognose

L’iniziativa di un pescatore praiese: “Voglio dare una mano, ma donare fa anche sentire bene …