Home / COMUNI / Forestali, sotto l’albero cenere e carbone?

Forestali, sotto l’albero cenere e carbone?


Un serio rischio per i forestali in conseguenza della crisi del Consorzio bonifica ex Valle Lao. Lavoratori in agitazione per i ritardi nei pagamenti degli stipendi.


SCALEA – Sotto l’albero di Natale rischia di arrivare cenere e carbone per i forestali.

La “crisi” del Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno Cosentino, ex Valle Lao, si ripercuote sui lavoratori. In una missiva inviata al prefetto di Cosenza, al dipartimento forestazione della Regione Calabria nonché al commissario e al direttore generale del consorzio è stato proclamato lo stato di agitazione dei suddetti. A rappresentarli sono le organizzazioni sindacali Flai Cgil e Camera del lavoro di Paola.

I cantieri interessati sono quelli di sette comuni: Paola, Fuscaldo, San Lucido, Falconara Albanese, Fiumefreddo Bruzio, Guardia Piemontese e Acquappesa. Le ragioni alla base del malcontento e delle proteste sono da ascrivere al ritardo del pagamento della mensilità di ottobre.

Da verifiche effettuate dai sindacati è emerso che “è stata accertata la mancata comunicazione al dipartimento della forestazione della regione Calabria, da parte del preposto ufficio consortile, delle certificazione dei rendiconti dei lavori effettuati negli alvei dei fiumi nello stesso mese. È stato altresì verificato il ritardo, di più giornate, dell’inserimento da parte dell’ufficio preposto dello stesso consorzio per l’elaborazione delle buste paga di ottobre”.

Tutto questo, in poche parole, non consentirebbe quindi alla regione l’emissione di alcun decreto e la definizione della procedura per il pagamento della mensilità. Quanto descritto per lavoratori e sindacati non è accettabile.

“È ingiustificato, incomprensibile e immotivato – rilevano ancora Flai Cgil e Camera del lavoro – nonostante le sollecitazioni tese a risolvere la problematica. La situazione arreca gravi danni economici ed esistenziali ai medesimi lavoratori e alle loro famiglie”.

Pertanto l’invito ai responsabili preposti del Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno Cosentino di predisporre con immediatezza quanto necessario a risolvere a breve la problematica che col passare del tempo potrebbe acuirsi. In effetti tra non molto dovrebbe essere pagato il mese di novembre e poi a seguire quello di dicembre e la 13esima mensilità.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

grisolia scuola chiusa sanificazione scuolabus

Grisolia, un contagio Covid-19 tra i banchi: scuole chiuse

L’ordinanza del sindaco Saverio Bellusci emessa questa mattina e valida anche per domani. Si torna …