Home / COMUNI / BUONVICINO / Buonvicino Capitale, gli atti a favore della cooperativa “amica”

Buonvicino Capitale, gli atti a favore della cooperativa “amica”


Nell’inchiesta della procura di Paola e guardia di finanza di Scalea le determine e le delibere del responsabile del servizio e della giunta comunale di Buonvicino per gli affidamenti e relative proroghe del servizio rifiuti alla cooperativa Artemisia. IN luce gli intrecci di parentela tra appaltatori e appaltanti.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

BUONVICINO – L’affare Rsu e differenziata scoperchiato a Buonvicino dalla Procura della Repubblica di Paola porta alla luce una serie di delibere e determine con le quali nell’arco di sei anni sono stati affidati i servizi alla cooperativa “amica”.

Più che amica si dovrebbe dire “familiare”. Alla sua guida si sono succedute la moglie dell’indagato Gennaro Miraglia e la cognata. Accade in un piccolo centro collinare come Buonvicino, appena 2mila 200 anime, dove il cedro assieme alla vite caratterizza da anni la principale attività agricola.

Nel 1970 Buonvicino, con 57mila piante produceva addirittura 5mila quintali di cedro. Un prodotto che costituisce ad oggi la principale risorsa economica. Accanto al cedro c’è la coltivazione della vite (ma anche dell’ulivo), avviata dal basiliani, che al contrario di altre colture completamente scomparse, è tutt’ora diffusa. Un paese che fa quindi dell’agricoltura la sua principale ricchezza. Un paese che oggi chiede lumi su quanto sta accadendo a livello giudiziario.

Un’inchiesta di questo spessore non c’era mai stata. Nella rete della procura, intessuta sapientemente dal PM Valeria Grieco e dalla finanza di Scalea, è finita la giunta del presente e quella del passato. Andiamo agli atti contestati.

In particolare, Gennaro Marsiglia con determina n. 115 del 2 novembre 2009 affidava alla cooperativa Artemisia il servizio di supporto per la raccolta Rsu a costo mensile di 3mila e 500 euro per diciotto mesi. Dal comune la giunta deliberava in data 25 febbraio 2013 sul servizio Rsu e Marsiglia, in qualità di responsabile del servizio, con determinazione del 28 febbraio 2013 affidava alla cooperativa Artemisia il servizio Rsu – differenziata per dodici mesi.

Altra delibera di giunta porta la data del 12 febbraio 2013. Alla stessa segue la determina di Marsiglia del 24 febbraio 2014 con la proroga alla suddetta cooperativa. Infine, il 18 dicembre 2014, la giunta affidava alla cooperativa il servizio per 12 mesi. Alla stessa segue la determina di Marsiglia del 20 febbraio 2015 con l’incarico alla suddetta cooperativa.



About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Grisolia, al Comune 10 ettari di demanio

Procedura conclusa per un’area a ridosso della Ss18 al confine con Santa Maria del Cedro. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright