Home / CRONACA / Marlane, i numeri dell’inchiesta bis

Marlane, i numeri dell’inchiesta bis


100 nuove parti offese, 25 decessi per tumore e una decina di ammalati. I numeri del lavoro d’inchiesta del procuratore capo di Paola, Bruno Giordano, in procinto di passare all’ufficio di procura di Vibo Valentia. Nelle carte anche testimonianze spontanee e denunce.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PRAIA A MARE – Oltre 100 nuove parti offese, 25 decessi e una decina di malati di patologie neoplastiche.

Sono questi i numeri della nuova inchiesta Marlane, la fabbrica denominata dei veleni. Numeri che andranno comunque adesso suffragati da prove. Ed è per questo che il procuratore capo Bruno Giordano, ormai prossimo a diventare capo dei pm della Procura di Vibo Valentia, ha raccolto in questi mesi dati, testimonianze spontanee e denunce con la collaborazione di un altro pubblico ministero, Valeria Grieco.

Proprio la Grieco sta scavando assieme a Giordano nell’inchiesta partita circa 25 anni fa per la quale la magistratura, a Paola, ha profuso impegno ed energie notevoli al fine di aprire uno spiraglio di luce per coloro i quali rappresentano la testimonianza ancora vivente di quello che è accaduto negli anni in questa fabbrica.

Tutto questo mentre a Catanzaro prosegue su una falsa riga il procedimento penale in appello alla sentenza di primo grado di Paola. Solo per tre l’accusa ha chiesto la condanna mentre l’assoluzione per gli altri imputati. Il pg ha chiesto la condanna a tre anni di reclusione, per disastro ambientale, per Carlo Lomonaco che fu responsabile del reparto tintoria, dirigente dello stabilimento ed ex sindaco di Praia.

Tre anni sono stati chiesti anche per Attilio Rausse, ex responsabile dello stabilimento, e quattro anni sono stati invocati nei confronti dell’ex amministratore delegato Antonio Favrin.

Ma perno centrale della requisitoria è stata soprattutto la richiesta di tornare a dibattimento con una nuova prova peritale. Quindi la richiesta alla corte per la revoca dell’ordinanza emessa il 25 novembre scorso che rigettava il prodursi di una nuova perizia.

Nel processo di primo grado a Paola secondo il pg la perizia era “carente”, mancava una figura peritale importante: un chimico tossicologico. A Praia oggi si va comunque a caccia quindi di nuove prove (accertamenti ripetibili) sui terreni della Marlane.

A essere esaminate saranno questa volta altre aree che secondo le informazioni raccolte potrebbero quindi contenere nuovi veleni. C’è la speranza per le popolazioni di Praia a Mare e Tortora nella nuova inchiesta che potrebbe dare ulteriori e nuovi risvolti. Diversi sopralluoghi sono stati fatti in tempi diversi nelle adiacenze della fabbrica l’ultimo dei quali pochi giorni fa.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Sandra Savaglio è assessore all’Istruzione della Regione Calabria

La celebre astrofisica cresciuta a Marano Marchesato nominata dalla governatrice Jole Santelli all’assessorato Università, Ricerca Scientifica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright