Home / COMUNICATI STAMPA / Maschere protette: sequestri della finanza in negozi cinesi

Maschere protette: sequestri della finanza in negozi cinesi


Operazione “Maschere protette” della guardia di finanza di Cosenza in tutta la provincia: 2 milioni e 500mila oggetti sequestrati tra maschere e vestiti di Carnevale oltre a giocattoli e altri accessori. Nessun intervento risulterebbe nel territorio dell’Alto Tirreno cosentino fino a Diamante.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

COSENZA – Oltre 2milioni e mezzo tra maschere e vestiti di Carnevale sono stati sequestrati a società gestite da cinesi dalla guardia di finanza di Cosenza nell’ambito di una operazione a cui è stato dato il nome di “Maschere protette”.

I legali rappresentanti di dieci società sono stati segnalati alle autorità competenti per l’accertamento delle conseguenti violazioni e la confisca dei beni. Il materiale requisito, proveniente dall’Asia e destinato alla vendita sul territorio italiano, era carente di informazioni per il consumatore e pericoloso per la sua salute.

La festività del Carnevale è stato dunque pretesto per le fiamme gialle per intensificare interventi di contrasto alla vendita di prodotti nocivi o pericolosi per la salute dei consumatori

In particolare – riferiscono dal comando provinciale di Cosenza – nel corso degli interventi abbiamo individuato milioni di capi ed accessori d’abbigliamento, di varie forme e colori, da utilizzare per i travestimenti di carnevale, quali maschere veneziane, costumi e parrucche oltre ad una serie di altri gadget, quali cover di cellulari e giocattoli per bambini, in violazione delle prescrizioni indicate dal Codice del consumo a tutela del consumatore.

Gli articoli di carnevale in sequestro sono risultati potenzialmente pericolosi poiché gli acquirenti, indossandoli, sarebbero stati esposti al rischio di contrarre infezioni cutanee e/o altre malattie dermatologiche.

Come consigliato da esperti si tratta di maschere o parrucche pericolose se fatte di materiale irritante o tossico e che è opportuno evitare di indossare se hanno un odore forte di sostanza chimica. Ma anche di schiume, stelle filanti spray, fiale che contengono spesso sostanze chimiche irritanti e sensibilizzanti.

I giocattoli, prevalentemente palline piramidali, ideate per sviluppare le capacità motorie dei più piccoli, sono risultate connotate da estrema fragilità, a causa del materiale utilizzato per la realizzazione delle stesse, e l’eventuale rottura avrebbe esposto i bambini al rischio di intossicazione a causa dell’ingerimento dei frammenti del prodotto.

Altri articoli, in particolare accessori d’abbigliamento, sono risultati contraffatti in quanto recanti illegittimamente marchi registrati e griffe di note case produttori”.

masc_carn-in


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Praia a Mare, tutto il territorio sarà videosorvegliato

La Giunta comunale ha approvato il progetto per installare telecamere per la prevenzione dei reati, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright