Home / IN PRIMO PIANO / Sp Scalea – Mormanno, lo scetticismo degli ambientalisti

Sp Scalea – Mormanno, lo scetticismo degli ambientalisti


“Una cattedrale nel deserto” secondo Italia nostra sezione Alto Tirreno cosentino e Movimento ambientalisti del Tirreno. La Scalea – Normanno opera costosa e di forte impatto sull’ambiente.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

SCALEA – “Una strada inutile che entrerà nel Guinness delle cattedrali nel deserto”.

È la sezione del Tirreno cosentino dell’associazione Itala nostra a sostenerlo. Gli ambientalisti temono che i lavori, attualmente in corso, si fermino al primo lotto finanziato. Ovvero fino a Santa Domenica Talao. Lo scetticismo è dettato tanto dalle risorse economiche necessarie per il prosieguo e dall’ottenimento delle autorizzazioni ambientali per attraversare il Parco del Pollino.

Soprattutto sull’impatto ambientale Italia nostra si dice critica e ha preannunciato una verifica sull’esito della procedura di incidenza ambientale (VincA). In zona è infatti presente l’area Sic “Valle del Fiume Lao”. Lungo il tracciato sono presenti altre aree protette come il Parco del Pollino.

La strada – fanno sapere – prevede tunnel, viadotti e scassi per le carreggiate stravolgendo l’habitat naturale ed agricolo dell’area interessata. Per il tracciato, che costeggerà spesso il fiume Lao, sono inoltre previsti espropri.

“La strada – sostiene Italia nostra – non porterà nulla. Forse neanche l’attraversamento di auto dirette sulla costa tirrenica nei soli mesi estivi. Si aggiungerà all’elenco delle incompiute. All’aviosuperficie di Scalea, al porto di Diamante, all’ospedale di Scalea”. L’alternativa, secondo gli ambientalisti, consisterebbe nel terminare strade già esistenti per avere collegamenti migliori con l’autostrada.

Sin dall’inizio della sua ideazione, l’opera è stata contestata da sigle ambientaliste tra cui proprio Italia nostra.

scalea mormanno lavori
Lavori sul primo lotto della Sp Scalea – Mormanno (foto: Cima Costruzioni)

La provinciale Scalea – Normanno

Sulla questione Italia nostra dell’Alto Tirreno cosentino ha raccolto informazioni per capire lo stato dell’arte.


  • La Scalea – Normano, una volta conclusa, sarà una strada ad alta velocità di collegamento con la A3 Salerno – Reggio Calabria. L’opera è stata ideata dalla Regione Calabria e presentata nel 2005 dalla Provincia di Cosenza che ne è ente attuatore.
  • L’approvazione regionale del progetto dei lavori attualmente in corso risale 2008. Successivamente sono partiti gli espropri. Il primo lotto è stato finanziato con 10 milioni di euro da Accordo programma quadro nel nel 2013. Poi un periodo di stallo.
  • I cantieri sono stati aperti solo di recente (12 anni!, ndr) e in questo momento sono in corso lavori di adeguamento aggiudicati al ribasso per circa 3milioni di euro rispetto ai 5 disponibili.
  • I lavori sono a cura di un raggruppamento temporaneo di imprese tra Cima costruzioni generali Srl e Sassa costruzioni Srl.

About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Enti e associazioni chiedono alta velocità per la stazione di Scalea

Richieste inoltrate a Trenitalia e Italo – Nuovo trasporto viaggiatori per la fermata strategica per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright