Home / COMUNI / AIETA / Praia a Mare, spento l’incendio che minacciava la Pineta di Aieta

Praia a Mare, spento l’incendio che minacciava la Pineta di Aieta


8 ettari di bosco in cenere a causa dell’incendio esploso a Praia a Mare e che minacciava la pineta di Aieta. Sul campo squadra Aib del consorzio di bonifica. Alle 17 l’arrivo di un elicottero. Fiamme domante intorno alle 18.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PRAIA A MARE – È stato spento intorno alle 18 l’incendio che minacciava Aieta e partito da Praia a Mare nella mattinata.

Ingenti i danni che hanno interessato soprattutto le località Santo Nicola e Ferrari del comune di Praia a Mare, poste lungo la provinciale 13. Circa otto ettari di bosco di pino e macchia mediterranea sono andati in cenere.

In prima linea per lo spegnimento delle fiamme la squadra Anti incendio boschivo di Aieta che ha contenuto i danni per 6 ore di fila, fino all’arrivo di un elicottero. Inizialmente, a causa di altre emergenze, nessun mezzo aereo era disponibile sul fronte dell’Alto Tirreno cosentino.

Gli uomini del Consorzio di bonifica integrale dei bacini del Tirreno cosentino che hanno operato a terra avrebbero dovuto prendere servizio alle 12 e 30. Hanno risposto comunque alla chiamata della Sala operativa unificata permanente (Suop) poco dopo le 10 del mattino.

La squadra, oltre a fronteggiare l’incendio, ha allertato i vertici operativi antincendio del consorzio e la sala operativa di Catanzaro richiedendo interventi via aerea. Questi sono poi arrivati intorno alle 17. Un elicottero di stanza a Scalea che ha effettuato i lanci coordinato da un Direttore delle operazioni di spegnimento dei vigili del fuoco giunto da Cosenza.

“Dopo una serie di lanci – informano dal consrozio – in un’ora si è giunti allo spegnimento totale dell’incendio e alla sua messa in bonifica. La squadra di pronto intervento di Aieta, costituita dal responsabile Aldo Gallo, Celestino Salomone, Vincenzo Macrì e Pasqualino Lacava Pasqualino ha dovuto ripercorrere tutto il margine della superficie bruciata, rastrellarla e mettere in sicurezza eventuali ceppi ancora ardenti per evitare eventuali riaccensioni. Un lavoro duro e invisibile il più delle volte non riconosciuto”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus: ci mancavano gli idioti dell’orrore

EDITORIALE ||| Una citazione d’autore per riflettere su quel che succede nella rete. L’allarmismo sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright