Home / IN PRIMO PIANO / Santa Maria del Cedro, centro storico: “Non è colpa degli abitanti”

Santa Maria del Cedro, centro storico: “Non è colpa degli abitanti”


Intervento di Andrea Napolitano nella polemica amministrazione – cittadini sul centro storico di Santa Maria del Cedro. “Positivo ogni intervento nel borgo. Ma il sindaco non dia le colpe agli abitanti. L’amministrazione definisca una strategia di marketing territoriale e l’appoggeremo”.


SANTA MARIA DEL CEDRO – È un bene che si stia pensando finalmente al centro storico di Santa Maria del Cedro. Ma è sbagliato pensare che la causa dei mali del borgo siano gli stessi abitanti.

Questo in sintesi il pensiero del gruppo consiliare di opposizione, Svolta positiva.

Sulle condizioni del centro storico di Santa Maria del Cedro, da tempo, si registrano polemiche. Da un lato gli abitanti lamentano trascuratezza e mancanza di attività ricreative.

Solo di recente è stato pulito il parcheggio, che versava in pessime condizioni, e sono stati potati gli alberi che fanno ombra. In alcuni casi i rami impedivano la sosta delle auto nei posteggi. Di recente, inoltre, le piazze sono state abbellite con vasi di fiori appesi ai muri e che i cittadini provvedono ad innaffiare.

Dall’altro l’amministrazione comunale ricorda le politiche messe in atto proprio per la parte antica del paese. Nuove sedi per centro anziani, banda musicale e scout, marciapiedi, recupero di Torre Nocito, biblioteca comunale, interventi sulle scuole e agevolazioni per chi investe nel centro storico.

In particolare il sindaco Vetere ha parlato di “sterili e inutili polemiche” e ha puntato il dito contro parte della popolazione del borgo. Alcuni cittadini – secondo il sindaco – alimenterebbero le divisioni con la frazione di Marcellina. Avrebbero causato la scomparsa della squadra di calcio e “svuotato” la chiesa della parrocchia Nostra Signora del Cedro. Non parteciperebbero – inoltre – alle manifestazioni organizzate.

santa maria del cedro centro storico
Uno scorcio del centro storico di Santa Maria del Cedro.

La posizione di Andrea Napolitano

Come detto, in merito a questa polemica, è intervenuta Svolta positiva tramite il capogruppo Andrea Napolitano.

“Prendo atto – fa sapere – che finalmente anche l’amministrazione di Santa Maria del Cedro intende puntare a rianimare e valorizzare il proprio centro storico. Mi dispiace però che, come al solito, si cerchi di scaricare responsabilità sulla gente che lo abita. La loro colpa sarebbe quella di non partecipare agli eventi, di non associarsi e altro.

Si è chiesto il sindaco come mai in quelle poche occasioni, a cui anch’io ero presente, non c’è stata la partecipazione sperata né dei residenti, né tantomeno dei turisti? Prima di addebitare colpe bisognerebbe tener fermo un punto: la gente non ha l’obbligo di partecipare per farsi segnare la presenza su qualche taccuino.

È bene chiarire che da anni cerchiamo di suggerire idee e progetti per la valorizzazione del centro storico. Ma è sempre mancato l’interesse, a differenza di quel che si vorrebbe far credere sui giornali o sui social. Questa amministrazione ha sempre guardato allo spopolamento come ad una situazione irreversibile, ormai da accettare. È quindi paradossale addebitare oggi colpe alla gente che non partecipa agli eventi visto che il sindaco stesso afferma e conferma che ormai non c’è rimasto nessuno.

Peraltro, a parte i cosiddetti eventi, che sono solo soluzioni palliative e animano per un brevissimo periodo il centro storico, il punto vero è la ripopolazione. Attraverso aiuti reali all’apertura di attività che trasformino il paese in un centro commerciale all’aperto- Sfruttandone la posizione facilmente raggiungibile anche dalla Ss18. Sfruttando la naturale posizione affacciata sul mare e su uno splendido tramonto, le piazze, i viottoli e quant’altro.

Si pensi all’apertura di Temporary store, alla defiscalizzazione totale per nuove attività commerciali e per quelle esistenti (sarebbe meglio dire resistenti) per almeno 5 anni. Servizio navetta con la zona mare nel periodo estivo, albergo diffuso, valorizzazione e promozione dei tanti punti panoramici affacciati sul mare.

Per cui, molto si può fare e apprezzo davvero che finalmente si pensi anche al centro storico. Per questo motivo, appoggeremo qualunque azione positiva intesa a farlo rivivere, proprio come stanno facendo tanti altri paesi, anche vicini a noi. Ovviamente, però, dato che ancora non è molto chiara la strategia di marketing territoriale che si vorrebbe attuare, né quale sia la visione complessiva del progetto, quale il risultato da raggiungere e quali i mezzi da utilizzare, non saremo disposti a supportare azioni inutili random che non hanno alcun riverbero positivo e permanente per il territorio”.

centro storico di santa maria del cedro
Il centro storico di Santa Maria del Cedro ripreso dal “Bay watch”.

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Scalea, posticipato il servizio per la mensa nella scuola primaria

Gli alunni torneranno in refettorio lunedì 7 febbraio 2022 a differenza di quanto deciso per …