Home / CRONACA / Marlane 2, chiesto lo spostamento del processo a Napoli

Marlane 2, chiesto lo spostamento del processo a Napoli


Dalla difesa di uno dei 7 indagati la richiesta di spostare da Paola a Napoli il procedimento bis sulla Marlane. Ipotesi remota, ma la decisione spetta al Gip Elia che si esprimerà nella prossima udienza del 3 ottobre. Sei giorni dopo la nomina del perito che dovrà indagare nuovamente lo stabilimento di Praia a Mare e i terreni circostanti.

PAOLA – Marlane 2 rischia il trasferimento a Napoli?

C’è una richiesta presentata in tal senso al Gip Maria Grazia Elia nell’ambito del nuovo capitolo sulle morti bianche della cosiddetta fabbrica dei veleni di Praia a Mare. L’istanza proviene dall’avvocato Gianluca Luongo, difensore dell’indagato Ivo Comegna.

Un’ipotesi che viene giudicata remota, ma che comunque tiene in apprensione le parti offese e chi con sforzo e sacrificio ha istruito l’indagine. In ogni caso sarà il Gip a decidere sulla questione. La richiesta è stata sollevata in ragion del fatto che il primo decesso addebitato dall’accusa agli indagati è avvenuto proprio nel capoluogo di regione della Campania.

Vedremo cosa si deciderà di fare giorno 3 ottobre, data nella quale non è escluso che si dovrà decidere anche sull’integrazione richiesta da nuove presunte parti offese. Ci sarebbe un aumento del numero dei deceduti (da 29 dovrebbe passare a 33, ndr) che secondo le accuse sarebbero imputabili alla contrazione di neoplasie nel corso degli anni trascorsi in fabbrica.

gianluca luongo avvocato
L’avvocato Gianluca Luongo ha sollevato un’eccezione di competenza territoriale nel procedimento Marlane 2

Marlane 2: In aula anche il 9 ottobre

Altra data fissata dal Gip per l’incidente probatorio è il 9 ottobre. Si dovrà conferire l’incarico al perito del giudice. E di conseguenza dovrebbero essere resi noti i nominativi dei periti della procura e delle parti offese.

L’attenzione della procura, guidata da Pierpaolo Bruni che sta affiancando nell’indagine il PM Valeria Teresa Grieco, resta alta. Un’attenzione nella quale è anche riposta la speranza delle tantissime parti offese nel procedimento. Gente che ha visto ammalarsi e morire lentamente i suoi cari tra atroci sofferenze.

I legali dei sette indagati, in sede di richiesta di incidente probatorio formulata dalla procura di Paola, avevano sollevato eccezioni al Gip a riguardo delle accuse. Sono state accolte soltanto per le ipotesi di omicidio colposo di Vincenzo De Presbiteris e Mario Schettino, entrambi deceduti.

Per il resto il Gip ha ritenuto che “per la diversità dei fatti contestati agli indagati nell’ambito del presente procedimento, si configurano distinte ipotesi di omicidio colposo e di lesioni colpose ipotizzate a carico degli indagati poiché vedono come persone offese soggetti distinti dai precedenti”.

pierpaolo bruni procura paola
Il procuratore capo di Paola, Pierpaolo Bruni

Il lavoro immane degli inquirenti

In questi mesi, il lavoro istruttorio è stato immane. Un lavoro che consta di circa 400 fascicoli.

Decine di parti offese sono state sentite negli uffici della procura di Paola. L’indagine madre è partita nel 2010 con il rinvio a giudizio delle 13 persone imputate nel primo troncone. L’inchiesta della procura era durata dieci anni e fu la sintesi di tre diversi filoni d’indagine. Quel processo prese il via il 19 aprile 2011 ma, di fatto, iniziò l’anno successivo, il 30 marzo 2012, dopo ben sei rinvii.

Il Marlane 1 si è concluso il 19 dicembre 2014 con la sentenza assolutoria di primo grado. Ora, l’appello a Catanzaro sta per giungere a sentenza.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Maratea, scossa di terremoto nella notte di sabato

Ancora un terremoto con epicentro Maratea e avvertito nel Lagonegrese, Alto Tirreno cosentino e Sud …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright