Home / CRONACA / Il Furbetto del bollo auto è di Tortora: la ricevitoria di Praia a Mare

Il Furbetto del bollo auto è di Tortora: la ricevitoria di Praia a Mare


È un residente di Tortora l’uomo rinviato a giudizio per peculato. In una ricevitoria di Praia a Mare la truffa del bollo auto. In circa due anni per oltre 100 volte avrebbe consegnato la ricevuta ai clienti ma poi annullava l’operazione intascando il denaro.

PAOLA – Lui è C. V., 38 anni, residente a Tortora. Per diverso tempo è stato operatore di una ricevitoria Lottomatica di Praia a Mare.

Prendeva i soldi dai contribuenti, stampava la ricevuta e quindi annullava l’operazione.

Secondo le accuse, in circa tre anni avrebbe truffato centinaia di ignari cittadini che si recavano nella ricevitoria praiese per pagare il bollo auto.

Sistematicamente, per mesi e mesi, si sarebbe messo in tasca i quattrini di tanta gente. L’uomo è stato rinviato a giudizio dal Gip del Tribunale di Paola e il processo si terrà tra qualche giorno.

Uno scandalo analogo si è registrato qualche mese fa in Lombardia, in provincia di Brescia. In quel caso il “trucchetto” usato era quello dei prescontrini che non costituiscono affatto ricevute di pagamento ma sono semplici pezzi di carta.



About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Paola, tassa sull’acqua: vi spiego i rincari nelle bollette

L’ex sindaco Basilio Ferrari, bollette alla mano: “Penalizzati gli anziani, le fasce deboli, chi risparmia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright