Home / RUBRICHE / DIO NELLA CITTÀ / Le tre M che consumano la Calabria

Le tre M che consumano la Calabria


Riflessione su tre mali della Calabria che iniziano per M nel nuovo numero della rubrica Dio nella città di Roberto Oliva.


DIO NELLA CITTA’ – NUMERO 15, venerdì 10 novembre 2017 – Il cammino che il nostro Mezzogiorno – la Calabria in particolare – vive è sempre carico di ostacoli che talora appaiono così insormontabili da lasciarci nello scoraggiamento.

Facciamo presto a dire – senza sbagliarci – che il cancro della Calabria è la Mafia ormai radicata sotto il nome di ‘ndrangheta, ramificata ovunque attraverso un sofisticato apparato imprenditoriale e politico.

Ma nella nostra regione incombe in maniera molto subdola l’ombra della Massoneria: l’altro volto della mafia che senza macchiarsi di delitti o evidenti reati, costruisce una fitta rete di relazioni e traffici sinistri che sono in grado di gestire realtà sociali e imprenditoriali oltre che manipolare scelte importanti per la vita istituzionale e politica.

Questi due tentacoli ormai hanno intaccato il tessuto economico, sociale e politico della Calabria al punto da generare una mentalità clientelare che sfocia nella cultura del Menefreghismo.

La terza M

Mafia e massoneria generano Menefreghismo!

È il menefreghismo la declinazione pratica e infelice della mafia e della massoneria: che hanno generato all’interno della cultura calabrese una mentalità della sudditanza dove non vale più la pena costruire il bene comune. La parola più usata e abusata è “ormai”.

Gran parte del tessuto sociale calabrese è imbevuto dalla logica del menefreghismo che cela scoraggiamento e senso di impotenza. Lo Stato è il rivale assente e la giustizia sociale un miraggio lontano. Il menefreghismo è la scorciatoia più comoda per chi è stanco di lottare ancora e si è convinto che cedere al più forte (e solitamente corrotto) sia la soluzione migliore.

Lavorare, educare e collaborare in Calabria significa innanzitutto combattere la cultura del menefreghismo: tutto ciò che riguarda tutti mi sta a cuore, altro che!


About Roberto Oliva

Laureato in Beni culturali presso l’Università della Calabria, studente di teologia presso la PFTIM-Catanzaro. Cura un blog su papaboys.org e collabora con Korazym.org e Il Sismografo. Per Infopinione redige la rubrica Dio nella città.

Check Also

Re Nudo, conferma: alcune intercettazioni costituiranno prova nel processo

La decisione del giudice: due registri di intercettazioni telefoniche dichiarati ammissibili nel processo sui certificati …