Home / COMUNI / CETRARO / Frontiera – 5 lustri, Foggetti: “La Barbieri amica dei Muto”

Frontiera – 5 lustri, Foggetti: “La Barbieri amica dei Muto”


Frontiera – 5 lustri: il processo al clan Muto di Cetraro. Il collaboratore di giustizia Adolfo Foggetti accusa la società di Giorgio Barbieri. Per volere del “Re del pesce” si era aggiudicata l’appalto di piazza Bilotti a Cosenza. Anche i clan cosentini si sono attenuti alle disposizioni.

green multiservice disinfezione

PAOLA – Adolfo Foggetti, noto collaboratore di giustizia, lancia accuse nel processo unificato Frontiera – 5 lustri contro il clan Muto di Cetraro.

La Barbieri era una società amica – ha detto in aula a Paola – e le estorsioni non erano permesse per volere dei Muto”.

Foggetti sentito in tribunale a Paola

Il collaboratore di giustizia è preciso nei suoi racconti. Anche se ammette che alcune circostanze gli sono state riferite e non le ha vissute di prima persona. Ma non ha dubbi quando tira in ballo anche Giorgio Ottavio Barbieri, l’imprenditore finito a processo, che quell’appalto a Cosenza per la realizzazione di piazza Bilotti se lo sarebbe aggiudicato grazie alla vicinanza del Re del pesce, Franco Muto.

In parole povere, la ndrangheta a Cosenza non doveva ostacolare Ciccio ‘o luong e coloro i quali godevano della sua protezione. I clan si sono anche riuniti, ha riferito Foggetti, per decidere cosa fare in relazione all’aggiudicazione di quell’appalto. Luigi Muto li aveva però in precedenza avvicinati per chiedere esplicitamente di non toccare i Barbieri.

Un eventuale danneggiamento, ha affermato il pentito, doveva essere condiviso da tutti. E Gatto, all’epoca il grado più alto di ndrangheta su Cosenza, spiegava al gruppo che non si poteva toccare l’impresa appaltatrice perché era amica dei cetraresi.

Il processo Frontiera – 5 lustri

Ieri mattina, sotto la presidenza del giudice Alfredo Cosenza, al tribunale di Paola in composizione collegiale si è tenuta la terza udienza del processo Frontiera – cinque Lustri.

Dopo la testimonianza del collaboratore di giustizia, incalzato dal PM della Dda, Vincenzo Luberto, sono seguite le domande degli avvocati degli imputati che hanno cercato di fare luce su alcuni particolari a riguardo dei periodi in cui sia Foggetti che Muto erano in carcere.

Il processo proseguirà il 21 dicembre, in aula sarà la volta del pentito Montemurro.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Tortora, ecco il nuovo Consiglio comunale

Tutti i nomi e le preferenze di chi siederà sui banchi della maggioranza e della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright