Home / IN PRIMO PIANO / Scuola, studiare la Danimarca che studia Scalea

Scuola, studiare la Danimarca che studia Scalea


Studenti ed insegnanti di un liceo di Copenaghen a Scalea per studiarne il patrimonio culturale ed naturalistico. Le impressioni di un gruppo di “animatori digitali” del Tirreno cosentino protagonisti di un viaggio – formazione in Danimarca.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

SCALEA – Quarantanove studenti e quattro docenti dell’Ørestad Gymnasium di Copenaghen saranno a Scalea nel marzo 2018 nell’ambito dalla collaborazione intrapresa con il locale liceo Pietro Metastasio.

L’intento è quello di studiare da vicino il patrimonio artistico, culturale e naturalistico della cittadina altotirrenica per poi progettare soluzioni strategiche di valorizzazione e rilancio economico.

A renderlo noto è il gruppo di professori del Metastasio freschi di ritorno dalla Danimarca per la seconda esperienza di apprendimento delle tecniche didattiche danesi.

Il tutto grazie al progetto Digital in EU, promosso dall’Ufficio scolastico regionale della Calabria, nell’ambito della mobilità Erasmus+.

Una iniziativa ideata per la formazione dei cosiddetti animatori digitali, ovvero i docenti investiti del compito di esplorare, grazie allo scambio con altre realtà europee, nuove possibilità per l’innovazione didattica delle scuole italiane.

animatori digitali metastasio
Il gruppo di insegnanti della provincia di Cosenza presenti in Danimarca

L’insegnamento in Danimarca

L’Ørestad di Copenaghen, è ritenuto un liceo modello nell’ambito didattico internazionale grazie soprattutto alla digitalizzazione completa del processo formativo che coinvolge studenti, insegnanti e amministrazione.

L’istruzione è impartita tanto all’aperto quanto al chiuso, ma sempre ponendo al centro lo studente e bilanciando l’innovazione con il rispetto degli elementi culturali originari.

Soddisfatta la delegazione del Metastasio che fa sapere di ambire a importare nel sistema nostrano elementi osservati in Danimarca e ritenuti utili per elevare il grado di formazione di insegnanti e studenti. Tra questi: la digitalizzazione, la flessibilità, l’organizzazione e il bilanciamento innovazione – tradizione.

“Il sistema scolastico italiano – commentano – che ha dalla sua tradizione e la preparazione dei professionisti della formazione, potrebbe senz’altro consentire di raggiungere questi obiettivi, ma è necessaria anche una politica lungimirante che sappia ascoltare ed abbia il coraggio di investire per proporre innovazione”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

passerella metallo fiume abatemarco santa maria cedro

Santa Maria del Cedro, passi avanti verso la Passerella sull’Abatemarco

Approvata la progettazione, via alla gara per i lavori che oltre all’opera in metallo prevedono …

error: Materiale protetto da copyright