Home / CRONACA / Ambiente, tartarughe caretta caretta morte in spiaggia

Ambiente, tartarughe caretta caretta morte in spiaggia


Almeno 5 esemplari di tartaruga marina caretta caretta spiaggiati morti sulle spiagge del Tirreno cosentino. In alcuni casi avevano ami conficcati in gola. Forse una “assurda coincidenza”.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

SCALEA – Sono almeno 5 le tartarughe marine caretta caretta ritrovate morte di recente sulle spiagge del Tirreno cosentino.

Le mareggiate del fine settimana scorso hanno restituito i corpi di questi esemplari lungo la costa, in un tratto che va da Scalea a San Lucido.

In almeno tre di questi casi è stato accertato che l’animale privo di vita presentava un amo da pesca conficcato in gola e ancora collegato alla lenza.

Una vicenda che impressiona se si tiene conto dell’area geografica tutto sommato ristretta, circa 100 chilometri di costa, e allo spazio temporale in cui si sono verificati i ritrovamenti, poco più di 48 ore.

Cosa uccide le tartarughe?

Per il momento l’ipotesi più accreditata è quella della “assurda coincidenza”.

Secondo persone esperte, non è raro che le tartarughe marine si feriscano tentando di mangiare le esche dei palangari. Si tratta di attrezzi da pesca molto utilizzati dai pescatori e costituiti da un sistema esteso di cavi, lenze e ami.

Le stesse fonti riferiscono che, solitamente, una tartaruga marina che si ferisce con l’amo di un palangaro muore in seguito per asfissia dovuta all’ingerimento della lenza. Non è comunque detto che i decessi delle tartarughe si siano verificati in zona poiché potrebbero essere trasportati dalle correnti e poi siano arrivati sulle spiagge a causa delle mareggiate.

Questo il quadro delle segnalazioni.

La prima tartaruga marina morta in ordine cronologico è stata segnalata venerdì 15 dicembre nel tratto di spiaggia tra Santa Maria del Cedro e Grisolia.


Il giorno successivo due esemplari sono stati ritrovati da passanti a Scalea, a Paola e a San Lucido. Domenica 17 dicembre, a Belvedere Marittimo, l’ultimo rinvenimento.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Taurianova, 7000 piante di marijuana in un vecchio frantoio

Nel capannone dismesso la criminalità locale aveva realizzato un gigantesco essiccatoio. Sequestro da 3 milioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright