Home / IN PRIMO PIANO / Paola, donna aggredita da cani randagi

Paola, donna aggredita da cani randagi


Il fatto è avvenuto sul lunngomare cittadino. La donna morsa dai cani è stata medicata in pronto soccorso. Ennesima aggressione sul territorio.

PAOLA – Allarme randagismo. Un branco di cani ha azzannato una donna nella mattinata di venerdì nei pressi del lungomare. La malcapitata sarebbe stata accerchiata e in un tentativo di fuga è stata morsa. Si è recata nella stessa mattinata in pronto soccorso dell’Ospedale di Paola per le cure del caso.

Scampata a una vera e propria aggressione, ha poi “rischiato” di subirne un’altra in nosocomio. Anche la struttura infatti è interessata da tempo dal problema randagismo. E ne sanno qualcosa gli operatori, il personale medico e paramedico. Il nosocomio è quasi “accerchiato” dai cani che giornalmente sono presenti alle entrate. Si adagiano in particolare a pochi metri dall’ufficio ticket e quando l’afflusso è meno costante fanno ingresso in nosocomio. Le segnalazioni si sono sprecate per giorni.

Cani in Ospedale

Quel piano annunciato dall’Ente per portare a soluzione il problema non è dato a sapere se e quando sarà attuato. A riguardo c’è da dire che la problematica (in particolare sul lungomare e in Ospedale) sta assumendo connotati preoccupanti. Non dimentichiamo che essendo randagi, gli stessi sono portatori di zecche e pulci, e quindi di malattie, in un luogo preposto alle cure dei pazienti. E i canili? Quello cittadino, il “Quattro zampe” non è affatto pieno. E pertanto un accalappiamento di quelli più pericolosi sarebbe quanto meno necessario. Questo in considerazione del fatto che i casi di aggressione in città in questi anni non sono stati affatto pochi.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Paola-Cosenza, altra frana sulla statale 107

AGGIORNAMENTO III Anas sul posto per effettuare i rilievi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright