Home / CRONACA / Santa Maria del Cedro, i Lupi in un album

Santa Maria del Cedro, i Lupi in un album


Raccolta di figurine per i piccoli calciatori dell’Asd Lupi di Marcellina. Gli allievi della scuola calcio protagonisti di uno storico album. Realtà sportiva in forte crescita.

SANTA MARIA DEL CEDRO – I piccoli calciatori dell’Asd Lupi di Marcellina sono i protagonisti del nuovo e storico album di figurine della stagione 2017/2018. Una raccolta interamente dedicata agli allievi della scuola calcio di Santa Maria del Cedro, che ha nella frazione di Marcellina una delle scuole calcio più importanti e attive dell’Alto Tirreno cosentino.

Una realtà sportiva in forte crescita che ad oggi conta più di 100 iscritti, tra maschietti e femminucce di età compresa tra i 6 e i 14 anni.

Un album dove poter raccoglier le foto di tutti i ragazzi di ogni settore, dei loro mister e della dirigenza sportiva, impreziosito da una pagina che racconta  la storia di Santa Maria del Cedro con tanto di foto e saluti del sindaco Ugo Vetere e dei parroci don Gaetano De Fino, della chiesa Nostra Signora del Cedro, e di don Paolo Raimondi.

Associazione presente sul territorio dal 2013. Anche dietro questo bel regalo per i ragazzi c’è l’impegno e il lavoro della dirigenza sportiva, composta da Vincenzo Avolicino, in qualità di presidente, Angelo Caminiti come vicepresidente, il segretario Davide Sarubbo e i consiglieri Giuseppe Resia, Domenico Foro, Michelangelo Avolicino e Giuseppe Rotondaro.

Una pagina dell’album

L’Asd Lupi Marcellina fa parte del settore giovanile scolastico, riconosciuta dalla Federazione italiana giuoco calcio, e vanta anche una affiliazione al Carpi, squadra del campionato italiano di serie B e alla Fisdir, federazione italiana sport disabilità intellettiva e relazionale, riconosciuta dal comitato italiano paraolimpico.

La scuola calcio di Marcellina si divide in giovanissimi, esordienti, pulcini, piccoli amici e primi calci. Quest’anno l’associazione si è arricchita di una squadra femminile composta da ragazze da 14 anni in su. Tutti i ragazzi vivono con grande serietà e impegno le attività proposte, frequentando gli allenamenti tre volte a settimana. L’allenamento dei giovanissimi e dei primi calci è stato affidato a Luigi Iorio, quello dei pulcini, degli esordienti e la preparazione dei portieri ad Orazio Costa. Il mister dei piccoli amici è Emilio Maccarone. Tutti i ragazzi sono seguiti anche da un mental coach nutrizionista che è Carmine Raimondi, che offre un supporto nel processo di apprendimento, cambiamento e innovazione, e fornisce consigli sull’alimentazione.

Una pagina dell’album

“L’Asd Lupi – ha precisato il vicepresidente Angelo Caminiti – ha come scopo la formazione calcistica tecnico-tattica dei ragazzi. A noi sta a cuore però soprattutto la loro formazione educativa attraverso il rispetto delle regole, dei compagni e degli avversari. Il calcio è uno sport con delle regole. È prima di tutto divertimento e voglia di socializzare. Il protagonista è e deve restare il ragazzo. Ai genitori chiediamo di incoraggiare la pratica sportiva e lasciare i propri figli liberi di esprimersi in allenamento ed in partita. Bisogna che facciano capire ai propri figli che non devono esistere gelosie tra ragazzi. Occorre che li indirizzino verso una corretta educazione sportiva fatta di rispetto delle regole, degli impegni, delle priorità, degli orari, dei propri indumenti e dei compagni. I genitori devono inoltre far sentire la loro presenza nei momenti di difficoltà, sdrammatizzare, incoraggiare ed evidenziare gli aspetti positivi, avere un atteggiamento positivo ed equilibrato in rapporto al risultato, saper perdere è molto più difficile che saper vincere, nello sport come nella vita non ci sono solo vittorie. Speriamo – ha concluso Caminiti – di contribuire ad una sana crescita dei ragazzi”


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Tortora, centro storico museo diffuso a cielo aperto

1 milione 350 mila euro circa per il progetto “Tortora, la porta della cultura calabrese”. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright