Home / COMUNI / BUONVICINO / Depurazione zonale, Diamante continua ad opporsi

Depurazione zonale, Diamante continua ad opporsi


Ieri alla Cittadella della Regione Calabria per un incontro con i sindaci dell’Ambito territoriale. Ugo Vetere: “Andremo fino in fondo”

SANTA MARIA DEL CEDRO – Il Comune di Diamante non intende consegnare il depuratore se non “quando i lavori saranno cantierati”. Non è escluso che i sindaci dei comuni limitrofi si rivolgano alla magistratura.

È quanto emerso dall’incontro tenuto ieri a Catanzaro alla Cittadella regionale per discutere del project financing sui lavori di depurazione e completamento del sistema infrastrutturale degli impianti dell’ambito territoriale costituito dai Comuni di Santa Maria del Cedro, come capofila del progetto, Diamante, Grisolia, Orsomarso, Buonvicino e Maierà. Progetto da 11milioni di euro.

Il problema nasce proprio da una serie di inadempienze del Comune di Diamante che con una deliberazione consiliare si è anche opposto alla consegna del depuratore alla società che dovrebbe realizzare i lavori.

La reazione dei primi cittadini

I sindaci dell’Ambito territoriale hanno quindi chiesto alla Regione Calabria di adottare i dovuti e consequenziali provvedimenti a carico del comune inadempiente.

E anche il concessionario a questo punto pretende il rispetto delle condizioni contrattuali. La società Aqua Consult, che ha partecipato all’incontro, ha fatto presente che “qualora il Comune di Diamante non consegnerà gli impianti o, nell’ipotesi in cui la Regione non adotterà i dovuti provvedimenti, nell’impossibilità di poter eseguire il contratto si vedrà costretto ad adire le vie legali”.

Il vertice alla Cittadella

All’incontro, chiesto in particolare dal sindaco di Santa Maria del Cedro Ugo Vetere, erano presenti il dirigente generare del dipartimento Infrastrutture e Lavori pubblici della Regione Calabria Domenico Pallaria, il consigliere regionale Giuseppe Giudiceandrea in rappresentanza del presidente della Regione Calabria, il sindaco di Orsomarso Antonio De Caprio, il primo cittadino di Maierà Giacomo De Marco e Ciriaco Biondi sindaco di Buonvicino, i tecnici dei comuni interessati e del comune di Grisolia il cui sindaco Antonello Longo ha delegato il sindaco di Santa Maria del Cedro.

A rappresentare Diamante c’era l’assessore comunale Pierluigi Benvenuto e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale.

“Pallaria – ha spiegato Vetere – avendo preso atto di tutto l’iter afferente il progetto ha ascoltato le ragioni e le richieste dei comuni facenti parte dell’ambito. Il Comune di Diamante però ha ribadito che intende attenersi al deliberato consiliare.

Tutti gli altri invece che hanno già approvato il progetto e deliberato la consegna degli impianti al concessionario, hanno chiesto il rispetto delle condizioni contrattuali e di concessione.

Restiamo quindi in attesa della decisioni del direttore generale regionale, riservandoci – ha annunciato Vetere – di denunciare i fatti alla magistratura penale, civile e contabile”.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

“Tra Terra e Mare”: sul tavolo i temi ambientali

A Scalea convegno il 21 novembre: dall’educazione nelle scuole ai cambiamenti climatici fino alla sicurezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright