Home / COMUNI / SAN MARCO ARGENTANO / Esaro, sfruttava braccianti: arrestato imprenditore-caporale

Esaro, sfruttava braccianti: arrestato imprenditore-caporale


A Roggiano Gravina in manette un 44enne con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro di 7 richiedenti asilo politico


ROGGIANO GRAVINA – Sfruttava il lavoro di richiedenti asilo, con turni massacranti e paga bassa. Nessun rispetto delle regole, a partire dalla mancanza di un contratto di assunzione.

Con le accuse di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro è finito in manette A. L., imprenditore di 44 anni. I carabinieri della stazione di Roggiano Gravina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip di Cosenza. A coordinare le indagini la procura bruzia.

Lavoro nero: se l’imprenditore è anche caporale

Un “imprenditore-caporale”. Questo il profilo dell’arrestato tratteggiato dall’Arma. L’uomo, infatti, impiegava nel proprio fondo agricolo persone straniere e le sfruttava approfittando del loro stato di bisogno.

Si tratta di 7 richiedenti asilo politico ospiti presso il Centro di accoglienza straordinaria di Roggiano Gravina. Qui per mesi, quotidianamente alle 5 del mattino, erano prelevati dall’imprenditore.

Erano poi trasportati con un furgone presso alcuni terreni di San Marco Argentano. Qui, il lavoro di raccolta ortaggi con turni di 9 ore a una paga giornaliera di 20 euro, senza sicurezza e senza contratto.

Per loro, una pausa di mezz’ora circa per mangiare. A disposizione dei lavoratori nessun bene di ristoro, neanche l’acqua. Assenti perfino i servizi igienici o aree d’ombra per ripararsi dal caldo.

caporalato lavoro nero valle esaro

Le indagini dei carabinieri

Le indagini dei carabinieri sono partite dietro alcune segnalazioni riguardanti il “caporale” e sono durate circa un anno, fino ad agosto scorso. Lo sfruttamento dei lavoratori è stato anche filmato dai militari e confermato dai diretti interessati.

I braccianti del Gambia, del Bangladesh e del Senegal hanno rilasciato ai carabinieri dichiarazioni precise e dettagliate. Non di certo quelle desiderate dal caporale che ha anche tentato di condizionare i loro racconti per alleggerire le proprie responsabilità.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

pettoruto san sosti

Azione Cattolica, al Santuario del Pettoruto di San Sosti la Festa degli incontri per la pace

Iniziativa molto partecipata nel noto luogo di culto di San Sosti della diocesi di San …