Home / COMUNICATI STAMPA / Corruzione: arrestate funzionaria Regione Calabria e imprenditrice

Corruzione: arrestate funzionaria Regione Calabria e imprenditrice


Operazione “È dovere”. In manette l’ex responsabile anti-corruzione Maria Gabriella Rizzo e Laura Miceli imprenditrice turistica del litorale vibonese

CATANZARO – Maria Gabriella Rizzo e Laura Miceli sono state arrestate dalla guardia di finanza con l’accusa di corruzione.

La prima, 57 anni, è dirigente del dipartimento Turismo della Regione Calabria. All’epoca dei fatti, era responsabile regionale per la trasparenza e la prevenzione della corruzione. La seconda, 67 anni, è una imprenditrice del settore turistico a Ricadi, nel Vibonese.

Le due, ora ai domiciliari, sono finite nel mirino della Dda calabrese nell’ambito dell’indagine denominata “È dovere”. Sarebbe emerso che la dirigente regionale passava all’imprenditrice informazioni riservate su bandi ancora non pubblicati. La Rizzo forniva anche “consulenza” alla Miceli che si “disimpegnava” regalando soggiorni turistici.

LE INTERCETTAZIONI

il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Grateri

Le indagini della Dda e della finanza

Il provvedimento di misura cautelare è del Gip di Catanzaro Paolo Mariotti. A richiederlo, i procuratori Graziella Viscomi Giulia Tramonti coordinati da Vincenzo Capomolla e da Nicola Gratteri.

Le due, indagate per corruzione, si incontravano per discutere dell’evoluzione dei bandi per il turismo finanziati da fondi comunitari.

In uno di questi meeting, la Rizzo avrebbe prospettato all’imprenditrice di partecipare a un bando nonostante fosse a lei precluso. La Miceli, infatti, per un suo villaggio aveva già ottenuto un finanziamento di 200 mila euro. La soluzione? “La Rizzo – spiegano gli inquirenti – promuoveva la partecipazione dell’impresa, che in concreto gestisce il villaggio, riconducibile sempre alla Miceli seppure formalmente intestata a terzi”.

Per questo, tra l’altro, la Miceli risulta indagata in stato di libertà anche per concorso in falso ideologico

In un altro caso la dirigente regionale avrebbe “accontentato” la Miceli circa la liquidazione di uno stato di avanzamento lavori di 130 mila euro. La Rizzo si è adoperata per accelerare l’erogazione. Inoltre, si sarebbe anche giustificata con l’imprenditrice per una diminuzione dell’importo dovuta a un errore di compilazione dei documenti.

Come ricompensa, la Miceli metteva a disposizione della dirigente dipartimentale e della sua famiglia soggiorni in strutture turistiche. Cinque giorni a Firenze e un altro periodo nel villaggio di Ricadi. E ancora, pranzi e forniture di vino. Tutto a spere della Miceli.

Nella vicenda sarebbe coinvolto in concorso con la Rizzo anche un consulente esterno, deputato al controllo dei finanziamenti erogati dalla regione al settore turistico. La sua posizione sarà valutata dal giudice con riferimento alla richiesta di sospensione dall’incarico di collaboratore della regione avanzata dai PM.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Belvedere Marittimo, rifiuti: la Cgil a gamba tesa sulla Falzarano

Stipendi non pagati e mezzi da lavoro senza assicurazione. “Il comune rescinda in danno i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright