Home / COMUNI / CETRARO / Cetraro, malmena moglie e figlia: arrestato 50enne

Cetraro, malmena moglie e figlia: arrestato 50enne


B. R. ha preso a ceffoni le due donne dopo qualche bicchiere di troppo. È stato ammanettato e portato in carcere a Paola

CETRARO – Botte a moglie e figlia, arrestato un 50enne per maltrattamenti in famiglia.

Notte di violenza tra le mure domestiche a Cetraro. Protagonista un uomo, B. R., che dopo averle date di santa ragione alle due donne è stato tratto in arresto dai carabinieri della stazione di Cetraro, dopo una breve fuga in un bar nelle vicinanze dalla sua abitazione.

L’alterco tra il 50enne e la moglie ha coinvolto anche la figlia che per evitare le botte alla mamma è stata a sua volta colpita dai ceffoni violenti del padre.

La telefonata al 112 è stata tempestiva. Così come l’arrivo dei carabinieri. L’uomo alla vista dei militari è scappato per poi essere tempestivamente raggiunto. Non ha opposto resistenza e si è lasciato ammanettare.

B. R., a quanto pare aveva ancora una volta bevuto qualche bicchiere di troppo. E forse l’alcool ha fatto il resto facendolo diventare ancora più violento.

L’uomo diverse volte durante la vita coniugale è stato perdonato dalla moglie nonostante gli episodi di violenza. Ma ieri la donna stanca dai soprusi del marito lo ha denunciato. Un altro episodio analogo è accaduto quattro anni fa. La recidiva ha fatto scattare immediatamente l’arresto e il 50enne è stato associato alla casa circondariale di Paola.

La moglie e la figlia sono state condotte successivamente in pronto soccorso a Cetraro. Il referto dei sanitari del nosocomio parla di 15 giorni ciascuno per le due donne. Al violento litigio hanno assistito anche le altre figlie più piccole.


About Francesco Maria Storino

Attualmente collaboratore della Gazzetta del Sud ha lavorato per La Provincia, Comunità 2000, Edizioni master, Il Quotidiano della Calabria e Corriere dello Sport. Cura particolarmente la cronaca giudiziaria.

Check Also

Belvedere Marittimo, rifiuti: la Cgil a gamba tesa sulla Falzarano

Stipendi non pagati e mezzi da lavoro senza assicurazione. “Il comune rescinda in danno i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright