Home / COMUNI / BUONVICINO / Violenza sulle donne, La Ginestra entra in aula per le vittime

Violenza sulle donne, La Ginestra entra in aula per le vittime


Lo sportello antiviolenza difenderà in tribunale la donna vittima di maltrattamenti a Grisolia e segue altri casi simili verificatisi nel Tirreno cosentino.

DIAMANTE – La donna recentemente maltrattata a Grisolia dal suo convivente sarà difesa da Teresa Sposato, avvocato e presidente de La Ginestra, sportello antiviolenza del Tirreno cosentino, e dall’avvocato Giuseppe Silvestri.

La vittima beneficia inoltre del supporto psicologico della dottoressa Maria Francesca Papa, anch’essa componente dello sportello.

L’uomo, G. P. di Diamante, lo scorso 6 dicembre è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Santa Maria del Cedro al culmine dell’ennesimo episodio di violenza domestica.

L’aggressore ha picchiato selvaggiamente la donna che ha chiesto aiuto a un proprio familiare e ai carabinieri. L’uomo avrebbe anche minacciato i presenti con un coltello, ma i militari hanno scongiurato il peggio.

Il diamantese è accusato di maltrattamenti e lesioni aggravate e, in questi giorni, si è registrata la sua scarcerazione ad opera del tribunale del Riesame di Catanzaro.

La Ginestra e le donne del Tirreno cosentino

La donna vittima di questi episodi a Grisolia non è la sola ad aver patito questa sorte. I responsabili de La Ginestra riferiscono infatti di altri casi.

“Lo sportello – spiegano – sta monitorando un’altra vicenda che riguarda una donna di Marcellina e i suoi figli, vittime indifese di violenze e soprusi da parte dell’ex marito.

Altre due donne sono assistite legalmente in processi in corso. In un caso si tratta di una vittima di violenza sessuale, che si è verificata a Buonvicino nel 2017 in un cortile.

L’altra vicenda riguarda il processo a carico di un uomo di Diamante accusato di maltrattamenti aggravati nei confronti della moglie, dalla quale era separato, e dei figli minori”.

La Ginestra, a due anni dalla sua nascita, eroga servizi di supporto per le vittime di violenza. Oltre al supporto legale e psicologico, si occupa di campagne di sensibilizzazione e prevenzione.

“Lo scopo – informano ancora dallo sportello con sede a Diamante – è di dare voce alle donne che non hanno voce, perché hanno paura di parlare, di rimanere sole.

Ma anche a quelle donne che non hanno più voce come Annetta Gentile di Santa Maria del Cedro, giovane studentessa universitaria barbaramente uccisa nel 1996.

A lei, lo scorso ottobre, in piazza Agorà a Marcellina, è stata dedicata una panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza di genere di cui La Ginestra si è fatta portavoce.

Nei prossimi mesi altre panchine rosse saranno inaugurate sul territorio per commemorare le donne che non hanno più voce e per ricordare alle nuove generazioni che bisogna prevenire e contrastare la violenza sulle donne”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Maltempo Calabria, camion ribaltati dal vento: chiusa l’A2

Le immagini dell’incidente tra Morano e Frascineto inviate da un nostro lettore. Autostrada temporaneamente chiusa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright