Home / COMUNICATI STAMPA / Volley, brutta battuta d’arresto a Roma per Lagonegro

Volley, brutta battuta d’arresto a Roma per Lagonegro


Nella terza giornata di ritorno del girone bianco di Serie A2 La Geosat Geovertical perde 3 a 0 contro la squadra della capitale. Uomini di Falabella irriconoscibili.

ROMA – Brutta battuta d’arresto per la Geosat Geovertical Lagonegro che perde contro Roma Volley nella terza giornata di ritorno del girone bianco di Serie A2.

La squadra lucana gioca male e si mostra irriconoscibile.

Tre punti lasciati per strada per gli uomini di Falabella che non riescono a tirar fuori la grinta nei momenti cruciali di ogni fine set e lasciano alla Roma Volley un successo buono per la corsa play off.

Falabella sceglie di schierare la solita diagonale Pedron-Boswinkel, Galabinov e Barreto schiacciatori, Marra e Calonico al centro, Fortunato libero. Gli risponde mister Budani con Paolucci e Lasko, Rossi e Antonucci schiacciatori, Zappoli e Rau al centro, Rizzi libero.

Inizio equilibrato, si procede punto a punto con Lasko da una parte e la coppia Barreto Boswinkel dall’altra che mettono giù punti. Il 13-11 segna il primo allungo dei romani che poi con Rossi trovano un vantaggio importante (17-13) e Falabella deve spendere il tempo tecnico.

Al rientro i lagonegresi trovano un break importante sul servizio di Galabinov e così il vantaggio romano si assottiglia (18-16). Sale ancor in cattedra capitan Rossi tra le fila romane e i lucani non riescono a chiudere il set con l’opposto olandese che trova spesso il muro giallorosso e i padroni di casa di appropriamo del primo set.

Secondo set con il primo tentativo ancora della Roma volley (3-1) ma poi Barreto ripristina la parità. I centrali da parte di entrambe le formazioni si fanno vedere ma la gara è ancora punto a punto.

Marra e il solito Boswinkel, questa volta più preciso, conducono la Geosat sul break ai 3 punti (11-14) e mister Budani chiama il tempo. Al rientro risale Roma che trova il pareggio sul 14esimo punto.

Tra le fila della Geosat entra Del Vecchio al posto di Barreto e la gara è ancora equilibrata. Falabella sul 20 pari chiama il tempo e al rientro sono ancora i padroni di casa a condurre e a chiudere anche il secondo set.

Il terzo set inizia in favore dei lagonegresi (1-3), poi ancora si va punto a punto quasi che la formazione di mister Falabella non riesca a trovare la giusta concentrazione e rimettere in campo la prestazione vista contro Brescia la settimana scorsa.

Troppi errori soprattutto al servizio e non si vede in campo la giusta dose di cattiveria, tanto da far condurre il gioco agli avversari. Sul 20-18 Falabella corre ai ripari e chiama il tempo e si va ancora punto a punto sul 23-22, ma poi senza alcun appello la Roma chiude il match.

Prestazione per nulla vicina alle reali capacità dei lagonegresi che non hanno per nulla dimostrato il proprio gioco e non sono per nulla riusciti a mettere in campo una prestazione alla loro altezza.

Una battuta d’arresto veramente inguardabile contro un avversario che ha sempre messo difficoltà. Pagina da dimenticare e molto da riveder, soprattutto l’atteggiamento.

Roma Volley: Paolucci, Lasko 16, Genna, Zappoli 14, Sperotto 1, Antonucci 5, Rossi13, Titta, Rau 4, Tozzi 7, Rizzi, Loreto, Boraccino 2, Pregnolato. Allenatore: Budani
Geosat-Geovertical Lagonegro: Maccabruni, Fortunato, Calonico 6, Del Vecchio 5, Pedron 2, Boswinkel 18; Turano, Di Coste, Maiorana, Sardanelli, Marra 7, Barreto 4 . All. Falabella

Roma 9 muri, 2 ace, 12 errori in battuta, 63% in attacco, 48 (26%) in ricezione
Lagonegro 4 muri, 2 ace, 14 errori in battuta, 55%in attacco, 64%, (44%)in ricezione

25-20, 25-23, 25-23
26’, 28’, 30’ tot 1H ’24


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Maltempo Calabria, camion ribaltati dal vento: chiusa l’A2

Le immagini dell’incidente tra Morano e Frascineto inviate da un nostro lettore. Autostrada temporaneamente chiusa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright