Home / AMBIENTE NATURA / Tirreno cosentino, Estate 2019: il mare è pulito

Tirreno cosentino, Estate 2019: il mare è pulito


“Il mare quest’anno è pulito”, sostiene l’85 percento dei lettori che hanno partecipato a un sondaggio di Infopinione.it sull’annoso tema estivo.

TIRRENO COSENTINO – Mare pulito per il Tirreno cosentino, la Riviera dei Cedri, per le località balneari e turistiche della costa della parte ovest della provincia di Cosenza.

Una buona notizia. È questo l’esito di un sondaggio lanciato su Facebook dalla redazione di Infopinione.it. Abbiamo chiesto ai lettori di esprimersi su un quesito molto semplice e scegliere tra le opzioni “Mare pulito” o “Mare sporco”.

Lo scopo era altrettanto semplice. Ovvero, ricevere testimonianze dirette sulla qualità di balneazione dalle persone che quotidianamente, o per periodi limitati, hanno frequentato le spiagge del territorio in questo primo scorcio di Estate 2019.

Da Tortora a Paola, passando per Acquappesa, Diamante e Scalea, e ancora da Santa Maria del Cedro e fino a Cetraro, è giunto un dato confortante.

mare pulito scalea grotta tras jesc
Scalea, fondali della Grotta di Tras e Jesc (foto: Gilberto Desposito)

In totale, hanno espresso la loro preferenza 336 persone. Per 286 di loro, ovvero l’85%, il mare è pulito. Solo 50 quelli che hanno votato per “mare sporco”.

Ovviamente – e siamo i primi a riconoscerlo – è un risultato che presenta evidenti limiti. Il campione è tutto sommato molto ristretto, se si considera che l’utenza del territorio è misurata in centina di migliaia di persone, tra residenti e turisti.

Tuttavia – a giudizio di chi scrive –, ci sembra che possa passare il concetto che il mare del Tirreno cosentino sia migliorato molto in questi anni e, quanto meno, le forti criticità che si sono registrate in passato siano lontane.

La famigerata “chiazza colorata”, tra il marrone e il giallo (sulla genesi della quale le tesi sono tante e mai definitivamente confermate o scartate, ndr), fa ancora la sua comparsa sulla superficie del mare, in determinati momenti della giornata. Solo, ora, pare che lo faccia con una frequenza meno invasiva.

diamante mare pulito 2019
Il mare di Diamante (foto: Salvatore Baronelli)

Ci sentiamo anche di dire che le azioni messe in campo negli anni passati hanno avuto un effetto. Tra queste, i controlli disposti dalla Procura della Repubblica di Paola, di concerto con le forze dell’ordine preposte, e i lavori di adeguamento di alcuni degli impianti di depurazione comunali.

Servirebbe un’azione di controllo più incisiva lungo i corsi d’acqua, fiumi, torrenti e canali che si gettano nel Mar Tirreno. È qui che si potrebbero annidare altre insidie per la qualità del nostro mare.

Di certo, il vero banco di prova per il territorio è costituito da come il mare si presenterà nel periodo di maggiore afflusso di turisti previsto, come consuetudine, nelle due settimane a cavallo di Ferragosto.

Per ora, il territorio stesso – e anche questa è opinione di chi scrive – può incassare questo buon risultato. Su di esso deve lavorare per migliorare, evitando di abbassare la guardia.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Incendi in Calabria, domato incendio a Castrolibero

Alimentato dal vento. In fiamme un bosco vicino ad alcune abitazioni. In azione vigili del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright