Home / IN PRIMO PIANO / Sanità in Calabria, l’Alto Ionio vuole un incontro con Cotticelli

Sanità in Calabria, l’Alto Ionio vuole un incontro con Cotticelli


I sindaci del territorio vogliono risposte dal commissario della sanità calabrese: dallo stato del Chidichimo alle carenze di personale e nel servizio 118.

TREBISACCE – Un incontro con Saverio Cotticelli, commissario della Sanità calabrese, per esporre i problemi della sanità territoriale e chiedere risposte.

È quanto è stato deciso oggi, nel corso di un incontro sul tema nel municipio di Trebisacce, alla presenza dei primi cittadini dell’Alto Ionio cosentino, invitati dal sindaco Franco Mundo.

Erano presenti i sindaci di Albidona, Alessandria del Carretto, Amendolara, Canna, Castroregio, Francavilla, Nocara, Rocca Imperiale, Plataci, Oriolo, Villapiana e i delegati dei comuni di Roseto Capo Spulico e San Lorenzo Bellizzi.

Una richiesta di incontro che è arrivata, più o meno, nelle stesse ore in cui il governatore Oliverio ha convocato sul tema i prefetti calabresi, per domani in regione.

E mentre in una analoga riunione alla Cittadella regionale, alla presenza dei sindaci dell’Esaro e del Pollino, il consigliere regionale Giuseppe Aieta ha proposto di istituire dei tavoli permanenti sulle criticità sanitarie del periodo estivo.

ospedale chidichimo trebisacce
L’ospedale Chidichimo di Trebisacce

Quanto alla riunione andata in scena sullo Ionio, Mundo ha ricordato tutte le disfunzioni che in quel territorio si vivono quotidianamente.

Dalle carenze di personale medico “all’inerzia dei politici e degli organi ministeriali nel dare attuazione alla sentenza del Consiglio di Stato che ha sancito la riapertura dell’ospedale Chidichimo”.

Dalle difficoltà per gli abitanti delle zone montane e del 118 in generale ai ritardi nell’indire la gara d’appalto per le sale operatorie dell’ospedale di Trebisacce.

“Un territorio immobilizzato – ha dichiarato il sindaco Franco Mundo –, costantemente depauperato di servizi e strutture come il nostro, è un territorio che si vuole fare morire e che si spegne sotto il profilo turistico, economico e del welfare”.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Paola e commercio, Corso Roma: crisi senza fine

I commercianti chiedono una sponda al comune. Manca un ufficio del commercio. Promesse non mantenute. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright