Home / COMUNICATI STAMPA / Fuscaldo: “Municipio assediato dalla magistratura”

Fuscaldo: “Municipio assediato dalla magistratura”


Tra un’indagine e l’altra, l’amministrazione comunale ha sempre gli inquirenti alle calcagna, secondo i gruppi di minoranza.

FUSCALDO – “Se le questioni giudiziarie sono più di una e non riguardano sfere personali del singolo, ma lo coinvolgono nell’esercizio delle sue funzioni di amministratore pubblico allora, non una sentenza di piazza, ma una riflessione profonda è d’obbligo”.

Lo sostengono all’unisono due gruppi di minoranza nel Consiglio comunale di Fuscaldo: Il futuro che vogliamo e Fuscaldo è noi.

Cosa hanno procurato nella gestione dell’ente comunale – proseguono – queste infinite e per niente concluse vicende giudiziarie?

Come mai da diverso tempo si assiste a continue incursioni in municipio di carabinieri, degli uomini della procura e della guardia di finanza?

Perché ben nove parlamentari della Repubblica hanno chiesto al ministro dell’Interno di promuovere d’urgenza l’accesso presso il Comune di Fuscaldo” per valutarne lo scioglimento per infiltrazioni e condizionamenti di natura mafiosa?

“È davvero corretto attribuire le colpe di ritardi, malfunzionamenti e mancati interventi sul territorio, tesi a garantire i servizi primari – chiedono ancora i consiglieri di minoranza –, alla inciviltà della popolazione, denunciata dal sindaco, o alla pesante burocrazia e alla inefficienza degli uffici?

Chiediamo se quanto sta accadendo da più tempo non abbia contribuito ad instaurare anche nei dipendenti comunali un clima di ansia e timore.

Incomprensibili lungaggini amministrative, aziende private che non partecipano ai bandi di gara publicati dagli uffici, isolamento politico del nostro comune rispetto a sane realtà in crescita di altri paesi limitrofi”.

I gruppi di opposizione parlano quindi di “pessimo sistema Fuscaldo” e si ribellano allo stato delle cose, rifiutano il gioco dello scaricabarile.

“Questa è la triste storia della Fuscaldo odierna. Adesso tutti concentrati sulla manifestazione Alici in Festival. Poi si invocherà l’innocente Santo patrono per una improbabile protezione rispetto a tutte le maldicenze e alle interminabili vicende giudiziarie degli attuali governanti.

Non ci siamo mai occupati – concludono – di commentare questioni giudiziarie riguardanti i maggiorenti dell’amministrazione a guida Ramundo. Non rientra nelle nostre prerogative e nei nostri pensieri, perché ci interessano le questioni politiche e la risoluzione dei problemi della collettività. Ma le riflessioni che poniamo sono d’obbligo”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Paola e commercio, Corso Roma: crisi senza fine

I commercianti chiedono una sponda al comune. Manca un ufficio del commercio. Promesse non mantenute. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright