Home / IN PRIMO PIANO / Tarsia, inseguimento e tamponamento in pieno centro

Tarsia, inseguimento e tamponamento in pieno centro


Lo scontro tra due auto in via Olivella poteva costare caro alle persone presenti davanti a un bar. Il sindaco Ameruso promette azioni contro i responsabili.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

TARSIA – Un tamponamento al culmine di un inseguimento tra due auto che poteva provocare una strage.

È quanto avvenuto a Tarsia, poco prima della mezzanotte si lunedì 30 settembre 2019, in via Olivella, strada principale del centro della bassa valle del Crati.

Secondo quanto riferito dal sindaco, Roberto Ameruso, a generare il pericoloso incidente sarebbe stato un inseguimento tra due auto, una Fiat Punto e una Ford Fiesta, giunte nel centro abitato a folle velocità.

Tarsia inseguimento e tamponamento in pieno centro 1

Nei pressi di via Olivella la prima ha violentemente tamponato l’auto inseguita. Ne è conseguita una carambola che ha coinvolto alcune auto lì parcheggiate. Alcune ringhiere sono state divelte.

Sul posto, i carabinieri per accertare quanto avvenuto.

Tarsia inseguimento e tamponamento in pieno centro 1

Insomma, si è rischiata una strage considerando la presenza, in quel momento, di alcune persone davanti a un bar ancora aperto. Ameruso ne è convinto.

“Siamo scioccati – ha detto il primo cittadino –. Non oso immaginare quali sarebbero state le conseguenze se fosse accaduto il giorno prima, quando erano in corso i festeggiamenti per i Santi Cosma e Damiano.

È stato un atto di una gravità assoluta – denuncia Ameruso – poiché questi individui hanno messo a repentaglio la vita di persone e leso la serenità di una comunità all’indomani della festa.

Tarsia inseguimento e tamponamento in pieno centro 1

Appena informato mi sono recato sul posto dove ho trovato i carabinieri, che ringrazio per il lavoro svolto. Abbiamo cercato di capire le dinamiche del fatto e la cosa grave è che il tutto sembra essere accaduto per futili motivi.

Attendiamo ora gli esiti dei test su eventuali sostanze assunte dagli autisti, ma se ciò dovesse essere confermato la cosa sarebbe ancor più grave.

Come amministrazione – promette – intraprenderemo un’azione nei confronti dei responsabili perché non può essere tollerato un fatto così grave in cui un’auto viene utilizzata come se fosse un’arma”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Coronavirus Buonvicino, deceduto paziente in terapia intensiva

Era stato ricoverato sin dalle prime battute del focolaio. Prima vittima nel territorio dell’Alto Tirreno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright