Home / AMBIENTE NATURA CALABRIA BASILICATA / Isola Dino, in mare più copertoni che in un’officina

Isola Dino, in mare più copertoni che in un’officina


I fondali dell’area protetta ricoperti di rifiuti. In tre giorni di pulizia individuati o recuperati oltre 100 pneumatici. E non ci sono solo quelli…

green multiservice disinfezione

PRAIA A MARE – Oltre 100 pneumatici sono stati fin qui individuati o recuperati dai sommozzatori del progetto di rimozione dei rifiuti dai fondali dell’Isola Dino di Praia a Mare.

Un primo e parziale dato che emerge al terzo giorno dei lavori finanziati per 40 mila euro dalla Regione Calabria. I fondi sono stati concessi a un progetto presentato da Italia Nostra e affidati a una ditta specializzata di Sapri.

Ma i copertoni non sono il solo rifiuto che in queste ore sta riempiendo i tre container posizionati vicino alla spiaggia, in località Fiuzzi di Praia a Mare. Solo per citare qualche esempio, lì dentro sono finiti anche quel che restava di un gozzo in vetroresina e un gommone. Poi, anche tante reti e cordame vario.

Non è tutto: sui fondali dell’Isola Dino sono presenti anche automezzi e altri rifiuti ferrosi, ma non saranno rimossi nell’ambito di questo progetto, che focalizza il suo impegno sull’eliminazione di rifiuti plastici.

Un impegno lodevole che punta a liberare i fondali da questi rifiuti che danneggiano l’ecosistema marino, come ci ha spiegato questa mattina Maya Battisti, project manager di Italia Nostra.

I rifiuti raccolti – ci ha anche detto – saranno avviati allo smaltimento man mano che i container si riempiranno nel corso dei sedici giorni effettivi di lavori che sono in programma, in base alle coperture finanziare a disposizione. Eccola ai microfoni di CalNews.

Ma come ci arrivano lì, tutti questi rifiuti? La loro presenza pone due questioni importanti.

Da un lato l’inciviltà dell’uomo. Parte di quei rifiuti è stata scaricata in loco. Altra parte, la maggiore, è portata lì dalle correnti, ma è pur sempre frutto di un abbandono illecito di rifiuti. Soprattutto, lungo le sponde dei corsi d’acqua che da Tortora a San Nicola Arcella interessano l’area del Sito di importanza comunitaria (Sic) Isola di Dino – Capo Scalea.

L’altra questione è relativa alla scarsezza di interventi da parte delle autorità preposte a ogni livello per la prevenzione e la soluzione di fenomeni come questo.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Vincenzo Cesareo sospeso dal servizio, primo atto del commissario La Regina

Per 12 mesi con lo stipendio dimezzato, il direttore dello Spoke tirrenico si difende dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright