Home / CRONACA / Manuel Cesta, il nonno in Calabria per chiedere strade sicure

Manuel Cesta, il nonno in Calabria per chiedere strade sicure


Petizione popolare nel nome di Manuel, il 25enne deceduto in un tragico incidente a Guardia Piemontese. Recuperata la telecamera installata sul casco.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

GUARDIA PIEMONTESE – Gerardo Cesta, il nonno di Manuel, il giovane morto lo scorso 12 agosto a seguito di un incidente stradale a Guardia Piemontese, è in Calabria per chiedere strade più sicure.

“Ho deciso di promuovere una petizione – fa sapere –. I miei tanti amici e conoscenti del posto hanno già iniziato a raccogliere le firme: alla fine saranno migliaia.

Al di là del fatto che nella strada dove ha perso la vita Manuel sono successi tantissimi incidenti, anche gravi, per svariati chilometri non vi è alcuna copertura telefonica, neanche per le chiamate d’emergenza, e non ci sono neppure le colonnine del Sos”.

Ed è proprio sul soccorso che il 71enne residente a Novara, ma lucano di origini e innamorato della Calabria, dove ha una casa e trascorre diversi periodi dell’anno, punta il dito.

“L’intervento di soccorso per mio nipote è stato disastroso: l‘ambulanza è arrivata dopo una vita, c’è voluta più di un’ora e mezza perché giungesse in ospedale.

Continua a tormentarmi una domanda: se vi fosse stato trasportato in tempi più ragionevoli, si sarebbe potuto salvare? Non lo saprò mai, ma quel ritardo non ha di certo giovato alle sue chance di sopravvivenza, per quanto residue potessero essere.

La nostra iniziativa non servirà a riportarci indietro Manuel – conclude Gerardo Cesta –, ma speriamo che possa essere utile per lanciare un messaggio forte ed evitare altre tragedie come questa in Calabria”.

Lo scopo della petizione – è stato inoltre ribadito – è chiedere strade più sicure e interventi di primo soccorso più rapidi.

manuel cesta novara guardia piemontese incidente 12 agosto
Manuel Cesta con la sua moto

Manuel Cesta, sviluppi sulla telecamera scomparsa

Nel frattempo, dopo l’appello lanciato nei mesi scorsi, è stata ritrovata la telecamera montata sul casco di Manuel. Il giovane – lo ricordiamo – era intento a compiere un viaggio in moto lungo le strade dello Stivale.

Questa avventura era documentata, ad ogni sosta, sulla sua pagina Facebook, soprattutto attraverso i video che realizzava, appunto, con una telecamera installata sul casco. Ma, nel corso delle indagini svolte per far luce sulla dinamica dell’incidente, era emersa la scomparsa del dispositivo, ritenuto indispensabile per fare chiarezza.

“Una signora che aveva raccolto il casco e altri oggetti di mio nipote – chiarisce ora Gerardo Cesta –, saputo che stavamo cercando la telecamera e sentitasi chiamata in causa, si è recata dai carabinieri, confermando con una formale denuncia che la telecamera c’era ma asserendo di averla consegnata con tutto il resto agli operatori sanitari intervenuti sul posto.

E infatti il 3 settembre i militari l’hanno recuperata. Ce l’aveva uno dei componenti dell’equipaggio del 118: speriamo solo non sia stata manomessa”.

L’incidente stradale a Guardia Piemontese

manuel cesta incidente moto novara guardia piemontese

Manuel Cesta, 25 anni, ha perso la vita il 12 agosto a seguito di un incidente stradale lungo la Ss 283, a Guardia Piemontese.

Con la sua moto, si è ferito gravemente dopo essersi scontrato frontalmente con un’auto condotta da una 18enne di Fagnano Castello.

Manuel è stato elitrasportato presso l’ospedale civile di Cosenza dove, poco dopo il suo arrivo, è deceduto.

La procura di Paola ha aperto un procedimento per il reato di omicidio stradale e la giovane autista è stata iscritta nel registro degli indagati come atto dovuto. Il sostituto procuratore ha convalidato il sequestro dei mezzi, a cui avevano subito proceduto i carabinieri della compagnia di Paola, e disposto l’autopsia.

I nonni del giovane, attraverso il consulente personale Giancarlo Bertolone, si sono rivolti a Studio3A-Valore Spa, società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini per fare chiarezza sui fatti.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Tirocinanti Calabria, Orsomarso: “Nessun esodo sui privati”

L’assessore regionale al Lavoro: “Alcune mie frasi strumentalizzate. A ottobre chiuderemo tutto il precariato storico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright