Home / AMBIENTE NATURA / Area marina protetta Costa di Maratea: Pescatori favorevoli

Area marina protetta Costa di Maratea: Pescatori favorevoli


In controtendenza l’associazione dei pescatori di Maratea. Chiappetta: “Ben venga” lo strumento ambientale che però è atteso sin dal 1991 e fatica a concretizzarsi.

MARATEA – Area marina protetta Costa di Maratea.

Se ne parla da 28 anni senza che questo importante strumento di protezione ambientale si sia mai concretizzato.

Nel 1991, con apposita legge quadro, Maratea è stata inserita tra le 48 aree da tutelare dal Ministero dell’Ambiente. Per il dicastero, attualmente, risulta nell’elenco delle Aree Marine di prossima istituzione e nel sotto elenco delle aree con Procedimenti in fase di avvio.

All’ombra del Cristo Redentore non si è mai smesso di crederci o di osteggiarne l’istituzione. In attesa che la procedura vada avanti, l’associazione Coordinamento imprese di pesca del litorale tirrenico lucano, per bocca del presidente Manuel Chiappetta, ha voluto esprimere favore.

Area marina protetta Costa di Maratea

L’Area marina protetta (Amp), una volta istituita dal ministero viene affidata a un ente gestore, nel caso di Maratea il comune. Viene poi finanziata e dotata di un regolamento per esplicare le sue attività progettuali.

Per quanto riguarda l’Area marina protetta Costa di Maratea, l’ultimo passo burocratico compiuto risale al 2016, quando il Consiglio comunale di Maratea si è espresso favorevolmente alla sua istituzione.

C’è inoltre da tenere in considerazione che, attualmente, Maratea conta la presenza di tre Zone speciali di conservazione (Zsc): Acquafredda, Marina di Castrocucco, Isola di Santo Ianni e costa prospiciente.

Le ha istituite il Ministero dell’Ambiente a febbraio del 2017 e prevedono, già di per sé, tutta una serie di limitazioni all’attività umana.

Anche se ci sarebbe da chiedersi quanto queste siano rispettate.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Aieta, fervono i preparativi per il Presepe vivente

La prima edizione nel cuore del borgo montano andrà in scena il 26 e il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright