Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / La scuola: “Prudente attenzione nei confronti di un’alunna”

La scuola: “Prudente attenzione nei confronti di un’alunna”


Coronavirus: “Nessun allarmismo” sostiene Patrizia D’amico, dirigente dell’istituto scolastico di Diamante dal quale oggi si è diffuso un allarme contagio.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

DIAMANTE – “Nessun allarmismo all’Istituto Alberghiero di Diamante, ma solo una prudente attenzione nei confronti di un’alunna la cui madre è rientrata dalla Cina da alcuni giorni“.

A dirlo è Patrizia D’Amico, dirigente scolastica dell’Istituto di istruzione secondaria di Diamante, protagonista oggi di un allarme Coronavirus. Come lanciato da queste pagine dopo aver interrogato della vicenda le autorità preposte (leggi la notizia qui) le persone coinvolte non manifestano i sintomi del contagio.

Un aspetto che anche la dirigente tiene a precisare.

“Si smentisce categoricamente che la madre della studentessa o la ragazza – ha scritto in una nota – manifestino i sintomi della malattia e neppure di una semplice influenza.

Inoltre, la zona della Cina da cui l’alunna proviene è molto distante dalla zona in cui si è diffuso il contagio del Coronavirus.

Pertanto, alcune notizie che sono state divulgate risultano essere assolutamente infondate. Le lezioni all’Istituto tecnico di Diamante si sono regolarmente svolte stamattina e si svolgeranno altrettanto regolarmente nei prossimi giorni.

Possiamo tranquillizzare la comunità scolastica e il territorio, nessun allarmismo e neppure allarme, solo un prudente approfondimento della reale situazione che, per fortuna, non desta alcuna preoccupazione, perché non vi è stato alcun contagio all’interno della famiglia interessata”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Tortora, torna il bollettino Covid: sono 130 i cittadini positivi

L’ultimo aggiornamento risaliva allo scorso 7 gennaio quando i casi attivi erano più di 200. …