Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Coronavirus: in Calabria rallentano i contagi, ma chiude Serra San Bruno

Coronavirus: in Calabria rallentano i contagi, ma chiude Serra San Bruno


In 24 ore + 19. La Santelli ha chiuso il comune del Vibonese. In Italia i dati morti e contagiati calano per il secondo giorno consecutivo.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

CATANZARO – 19 nuovi casi di contagio da Coronavirus Covid-19 in Calabria.

Questo è il dato relativo a lunedì 23 marzo 2020 che spicca nel bollettino diffuso dal dipartimento della Protezione civile nel consueto aggiornamento delle 18. Il giorno prima, l’incremento era stato di oltre il doppio: 40.

In Calabria, nelle ultime 24 ore, il dato complessivo è dunque salito a quota 292 casi. Gli attuali positivi sono dunque 280, poiché nel corso dei giorni sono guarite 5 persone ma si sono registrati anche 7 decessi.

Il numero dei tamponi effettuati nelle strutture sanitarie calabresi è di 4073 (+407).

I casi attualmente positivi sono così suddivisi: 102 pazienti si trovano in ospedale, 82 ricoverati con sintomi (+5), 20 in terapia intensiva (+3). 178 persone sono in isolamento domiciliare (+12).

Ecco come sono distribuiti i nuovi 19 casi e il dettaglio complessivo provincia per provincia.

  • Reggio Calabria 94 (+6)
  • Cosenza 68 (+5)
  • Catanzaro 46 (+1)
  • Vibo Valentia 20 (+6)
  • Crotone 62 (+1).

In questo totale, i dati ufficiali riportano da alcuni giorni 2 pazienti non ancora assegnati e, inoltre, figurano anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro.

Altri numeri della situazione calabrese contenuti nel bollettino diramato dalla Regione Calabria: soggetti in quarantena volontaria 6884 (+163), persone giunte in Calabria che si sono registrate al sito della regione 11.191 (+414).

 

La Regione Calabria chiude Serra San Bruno

Serra San Bruno, comune di 6527 abitanti in provincia di Vibo Valentia, è stato chiuso con ordinanza del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli.

La motivazione è la stessa adottata con i cinque casi precedenti: Montebello Jonico (Rc), San Lucido (Cs), Cutro (Kr), Rogliano (Cs) e Santo Stefano di Rogliano (Cs). Ovvero: il numero di casi di positività al Coronavirus registrati negli ultimi giorni.

“L’ordinanza – recita una nota della governatrice – prevede il divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutti gli individui presenti, il divieto di accesso nel territorio comunale, la sospensione delle attività degli uffici pubblici. Viene comunque garantita l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità.

Potranno varcare i confini comunali gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nelle attività collegate all’emergenza, gli esercenti che hanno attività consentite sul territorio e quelle strettamente strumentali ma tutti avranno l’obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

L’ordinanza consente il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

La situazione in Italia: lieve calo ma attenzione al Sud

corornavirus calabria protezione civile borrelli brusaferro

Per il secondo giorno consecutivo il dipartimento della Protezione civile ha fornito numeri in calo, soprattutto per i contagiati e i deceduti.

“Il nostro grande sforzo – ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro – è evitare che le curve di crescita del virus viste nelle regioni del Nord non si ripetano al Sud”.

Al momento 50.418 persone risultano positive al virus. Ad oggi, in Italia sono stati 63.927 i casi totali.

Sono 7.432 le persone guarite. I deceduti sono 6.077.

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 18.910 in Lombardia, 7.220 in Emilia-Romagna, 4.986 in Veneto, 4.529 in Piemonte, 2.358 nelle Marche, 2.301 in Toscana, 1.553 in Liguria, 1.414 nel Lazio, 929 in Campania, 771 in Friuli Venezia Giulia, 914 nella Provincia autonoma di Trento, 688 nella Provincia autonoma di Bolzano, 862 in Puglia, 681 in Sicilia, 605 in Abruzzo, 556 in Umbria, 379 in Valle d’Aosta, 343 in Sardegna, 280 in Calabria, 89 in Basilicata e 50 in Molise.

 

DPCM CORONAVIRUS: Misure igienico sanitarie

La redazione di Infopinione.it suggerisce anche in questo contenuto che, per il contenimento della diffusione del virus il Governo italiano ha predisposto alcune misure eccezionali con Dpcm del 4 marzo 2020. Qui trovi il suo contenuto nel dettaglio.

Quest’ultimo contiene in allegato le misure igienico sanitarie da adottare e osservare, che qui riportiamo.

Ecco, dunque quali sono queste misure igienico sanitarie che, come era stato largamente anticipato, influiranno molto sulla vita sociale degli italiani.

LAVATI LE MANI

Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.

NO ABBRACCI E STRETTE DI MANO

Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona.

TOSSE E STARNUTI

Igiene respiratoria: starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie.

Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce.

UN METRO DI DISTANZA

Mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro.

BOTTIGLIE E BICCHIERI

Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva.

OCCHI, NASO, BOCCA

Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.

FARMACI

Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.

PULIZIE

Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.

MASCHERINA

Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.

Se sei un cittadino calabrese puoi rivolgerti ai numeri utili per l’emergenza che trovi nell’illustrazione qui sotto.

coronoavirus calabria numeri utili regione

Disclaimer: questo articolo cita circostanze apprese da fonti ufficiali:


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Coronavirus Calabria: 647 casi totali (+33), 6 nuovi decessi

Per il secondo giorno consecutivo calo dei ricoveri in terapia intensiva, ma nelle ultime 24 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright