Home / COMUNICATI STAMPA / La Cgil a Lamboglia: “Via le quarantene, i dipendenti tornino a lavoro”

La Cgil a Lamboglia: “Via le quarantene, i dipendenti tornino a lavoro”


Intervento del segretario comprensoriale Vincenzo Casciaro dopo l’esposto presentato ai carabinieri dal sindaco di Tortora.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

TORTORA – Il sindaco di Tortora revochi le quarantene per i dipendenti tortoresi della Rsa San Francesco di Paola di San Nicola Arcella. Li faccia tornare a lavoro, per dare il cambio ai colleghi in servizio durante il loro periodo di quarantena. Si mettano da parte i proclami e gli esposti.

A chiederlo è Vincenzo Casciaro segretario generale della Cgil Funzione pubblica comprensoriale.

Ieri, martedì 7 aprile 2020, il primo cittadino tortorese Pasquale Lamboglia, ha presentato un esposto ai carabinieri in merito a parte delle dichiarazioni rese pubbliche da un dipendente della residenza per anziani sannicolese. Ne abbiamo parlato qui.

Va precisato che le quarantene in questione, e le relative limitazioni, scadranno fra due giorni.

Questo l’appello di Casciaro.

“Forse c’è un eccesso di comprensibile nervosismo, nello scambio dialettico indiretto intercorso tra il sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia, e il lavoratore dipendente della Rsa San Francesco di Paola di san Nicola Arcella.

Se, però, da una parte il sindaco deve fare tutto ciò che è nelle sue possibilità, per scongiurare ogni rischio di possibile contagio per la comunità tortorese da lui rappresentata, dall’altra parte c’è un lavoratore, con ruolo e funzioni di rappresentante sindacale aziendale della Fp Cgil, che legittimamente si preoccupa di dare risposte ai suoi colleghi di lavoro, stremati da massacranti turni che devono essere svolti in assenza di ben 6 altri lavoratori.

Tutti e sei di Tortora, tutti e sei costretti alla quarantena, con ordinanza del sindaco Lamboglia, perché potrebbero essere venuti in contatto con altro lavoratore, per il quale si era temuto un possibile contagio.

Fin qui, i fatti che potrebbero giustificare il sindaco.

Ma nei giorni scorsi è arrivata la bellissima notizia che il lavoratore sospettato contagiato, è negativo al tampone, quindi non infetto.

Nel frattempo il direttore della struttura, Emilio Pastore, di concerto con i rappresentanti sindacali Nicola Pucci e Maurizio Daniele, diligentemente, e intelligentemente, hanno deciso di sottoporre al tampone altri 4 lavoratori, tutti operanti nella Rsa di San Nicola Arcella, scegliendoli fra quelli più esposti ai contatti con pazienti e altri lavoratori.

Anche questi dipendenti sono risultati tutti negativi. Al direttore, alla rappresentanza sindacale e a tutti i lavoratori della Rsa, va il plauso della Fp Cgil comprensoriale, perché tutte le azioni concordate e messe in campo sin dal mese di febbraio scorso, stanno salvaguardando la salute degli anziani ospiti, nonché di tutti i lavoratori stessi.

In condizioni normali, l’esclusione della prima ipotesi di contagio farebbe cadere tutte le altre e quindi dovrebbe consentire al sindaco di revocare le misure restrittive che lo stesso aveva adottato nei confronti degli altri sei lavoratori tortoresi colleghi del primo sospettato di contagio.

Ad oggi, però, così non è: il sindaco, forse per eccesso di zelo, ancora non ha deciso in merito. Da qui, le giuste e sacrosante rivendicazioni del rappresentante sindacale aziendale, che non riesce a spiegarsi le motivazioni di questo ritardo.

E allora chiediamo noi al sindaco.

Da molti giorni, un numero ridotto di lavoratori dipendenti della Rsa San Francesco di Paola sta lavorando in uno stato di prostrazione fisica eccezionale, perché un consistente numero di loro colleghi è impedito a recarsi da Tortora a San Nicola Arcella, per dare il cambio nei turni.

Il livello di sopportazione di questi lavoratori è ridotto ai minimi termini. Ciononostante, bisogna assistere gli ospiti anziani, bisognosi di tutto.

Il direttore della Rsa, i rappresentanti sindacali, tutti i lavoratori della struttura, stanno solo chiedendo al sindaco di accelerare ogni iter e revocare l’ordinanza delle quarantene obbligatorie, per consentire ai sei lavoratori di tornare finalmente al loro posto di lavoro, andando così a ristorare i loro colleghi esausti.

Sindaco Lamboglia, ora glielo chiede anche la Fp Cgil comprensoriale: prenda subito atto che la misura restrittiva adottata giorni fa, oggi non ha più motivo di esistere, per il venir meno della causa scatenante.

C’è da garantire tutti i lavoratori, sia quelli che non stanno lavorando per effetto della sua ordinanza, sia quelli che non ce la fanno più, sempre per effetto della sua ordinanza.

C’è da garantire l’intera Rsa San Francesco di Paola, che dà ospitalità agli anziani del suo territorio, e che dà lavoro a tante persone del suo territorio.

E si mettano da parte proclami di esposti su fatti che, se non fossero raccontati in questo grave periodo di minaccia alla salute mondiale, farebbero semplicemente sorridere”.



About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Covid, rientri in Basilicata: Regione istituisce piattaforma

Sul web uno spazio dedicato ai cittadini che vogliono entrare in Basilicata e come alternativa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright