Home / IN PRIMO PIANO / Coronavirus Fase 2, Conte: “Dal 4 maggio piano convivenza”

Coronavirus Fase 2, Conte: “Dal 4 maggio piano convivenza”


Il premier in conferenza stampa da Palazzo Chigi: “Inizia la fase di convivenza con il virus, ma bisogna ancora mantenere le distanze”. 

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

ROMA – Dal 4 maggio 2020 partirà il piano del Governo per la convivenza con il virus.

Lo ha detto nel corso della conferenza stampa il Presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi.

Il prezzo delle mascherine sarà calmierato (quelle chirurgiche costeranno 50 centesimi di euro) e si andrà verso il Recovery fund con l’Europa, ha premesso.

Dopo aver riferito di quanto fatto in termini di sostegno per famiglie e imprese, ammettendo anche alcuni ritardi, e promesso anche misure per il turismo, Conte ha illustrato le novità contenute nel prossimo decreto.

 

Coronavirus: Piano di convivenza

Le misure entreranno in vigore dal 4 maggio e fino al 18 è prevista la conferma delle misure di distanziamento e per gli spostamenti.

Sarà possibile muoversi all’interno delle regioni solo per motivi di lavoro e salute. Si potrà però fare visita ai congiunti. Dovranno essere viste mirate, con precauzioni e divieto di assembramento.

Da regione a regione ci si potrà  muovere solo per motivi di salute e lavoro.

No alle feste: il divieto di assembramento rimane in vigore ovunque.

Sì alle visite ai parchi e altri luoghi pubblici, ma con ingressi contingentati e sempre mantenendo le distanze. In questo caso, i sindaci potranno disporre diversamente se accerteranno che le condizioni di sicurezza non sussistono.

Sarà permessa l’attività motoria, ma solo individuale, non per forza sotto casa. Ci sarà inoltre la ripresa degli allenamenti per gli sport professionistici individuali e per i non professionisti di attività individuali riconosciute di interesse nazionale dal Coni.

Saranno consentiti i funerali, ma con un numero limitato di partecipanti: ammessi soli 15 familiari e rispettando le misure di sicurezza (distanze e dpi). Per altre funzioni religiose nessuna novità è ancora prevista.

Apertura all’attività di ristorazione da asporto, ma senza assembramenti. Si entrerà uno alla volta e il cibo non può essere consumato davanti alle attività che lo vendono.

Ripartono manifatture e costruzioni e il commercio funzionale a questi settori. Ma anche qui bisognerà rispettare i protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro. Prima del 4 maggio le aziende potranno svolgere attività preparatoria per la ripresa del lavoro.

Spostamenti dei lavoratori e attività nei cantieri: stabiliti protocolli per le aziende di trasporto e per le aziende di costruzioni.

Le regioni dovranno costantemente fornire le curve epidemiologiche dei propri territori. Sulla base dei parametri il Ministero della Salute valuterà eventuali situazioni critiche.

 

Le novità da metà maggio

“L’indirizzo del Governo è chiaro – ha poi detto Conte – e il 18 maggio abbiamo in programma l’apertura di commercio al dettaglio, musei, mostre, biblioteche e gli allenamenti degli sport di squadra.

Il 1° giugno: vogliamo riaprire bar, ristoranti, parrucchieri e altre attività di cura della persona. Anche per questi ultimi è allo studio un protocollo dettagliato.

Più in là, invece, comunicheremo alle strutture balneari il nostro piano articolato per la ripartenza di questo settore”.

green multiservice disinfezione

About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

vaccini maratea as potenza

In provincia di Potenza vaccinati tutti gli Over 80, primi in Italia

Somministrate oggi a Maratea le ultime delle 50000 dosi per questa categoria. La soddisfazione dell’azienda …

error: Materiale protetto da copyright