Home / COMUNICATI STAMPA / Reddito di cittadinanza a un boss del Vibonese: denuncia e sequestro

Reddito di cittadinanza a un boss del Vibonese: denuncia e sequestro


Vincenzo Barba ha intascato 4500 euro a discapito dei contribuenti. Gli è bastato omettere nella domanda la sua condanna per associazione mafiosa.


VIBO VALENTIA – Percepiva il reddito di cittadinanza nonostante nel 2011 fosse stato condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Vincenzo Barba, alias u Musichiere, di 68 anni, negli anni si è macchiato di crimini quali estorsione, sequestro di persona, ricettazione, truffa e usura. Gli inquirenti lo ritengono esponente apicale del clan Lo Bianco-Barba di Vibo Valentia.

La condanna per associazione mafiosa, irrevocabile, gli è stata inflitta dalla Corte di Appello di Catanzaro.

Coinvolto in numerose operazioni contro i clan vibonesi, Barba è stato recentemente arrestato nel corso di Rinascita Scott, della Dda di Catanzaro.

Operazione “che – fanno sapere gli inquirenti – ha fatto emergere, dopo la morte di Carmelo Lo Bianco, detto Sicarro, la sua costante ascesa negli anni fino ad assumere, insieme ad altri, la qualità di promotore, organizzatore, capo e contabile della ‘ndrina e della Società Maggiore di Vibo Valentia. Agli atti dell’inchiesta emergeva, altresì, il suo ruolo di contabile della cosca, alternativamente a Raffaele Franzè, detto Lele U Svizzeru, deceduto”.

Eppure, tra settembre 2019 e gennaio 2020 ha intascato 4.500 euro in barba ai contribuenti, semplicemente omettendo nella domanda del Rdc il suo passato criminale.

Lo hanno però scoperto la Procura della Repubblica di Vibo Valentia e la guardia di finanza che lo hanno denunciato. Il sostituto Filomena Aliberti ha richiesto al Gip l’emissione di un decreto di sequestro preventivo, eseguito oggi, per 4.500 euro circa.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

vaccini maratea as potenza

In provincia di Potenza vaccinati tutti gli Over 80, primi in Italia

Somministrate oggi a Maratea le ultime delle 50000 dosi per questa categoria. La soddisfazione dell’azienda …

error: Materiale protetto da copyright