Home / IN PRIMO PIANO / Praia a Mare, montaggio lidi: le regole del sindaco Praticò

Praia a Mare, montaggio lidi: le regole del sindaco Praticò


Obbligo di comunicare in comune nomi di ditte e lavoratori che devono essere in regola. Stabilite fasce orarie. Barriere mobile per accedere alle concessioni.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PRAIA A MARE – A Praia a Mare gli imprenditori balneari hanno iniziato a montare i lidi, ma oltre ai protocolli validi ovunque, qui valgono le regole dettate dal sindaco Antonio Praticò.

Ecco, in sintesi, le misure obbligatorie comunicate ai concessionari dall’Ufficio tecnico comunale.

Obbligo di comunicazione al comune “la documentazione riportante i dati di tutti i soggetti che interverranno, a vario titolo, nelle operazioni di montaggio e pertanto che avranno accesso all’area in allestimento”.

Quindi bisognerà rendere noti al comune gli estremi delle ditte impegnate negli allestimenti e di tutti i lavoratori indicando per ciascuno il ruolo.

Le prime quanto i secondi devono essere in regola sotto ogni aspetto: retributivo, contributivo, previdenza, di sicurezza sul lavoro e assicurativo.

Obbligo di lavorare in orari prestabiliti: dalle 8 alle 12 e dalle 16 alle 20.

In questi orari, gli autorizzati potranno accedere al Lungomare, e quindi alle concessioni, solo attraverso appositi accessi dotati di barriere mobili.

Obbligo di pulizia e rispetto della spiaggia. L’arenile dovrà essere sgomberato dai rifiuti portati dalle mareggiate. Questa operazione dovrà essere fatta a mano e separandoli per tipologia (raccolta differenziata).

Nessun mezzo meccanico potrà accedere all’arenile con eccezione dei mezzi di trasporto del materiale e delle strutture da montare e della cosiddetta “Nettaspiaggia” che si usa dopo la pulizia per sistemare l’arenile.

Obbligo di non alterare in alcun modo lo stesso arenile: no a movimenti di sabbia per livellamenti, riempimenti, rilevati, superfici o piani compatti e altro.

Per la stessa motivazione, non è consentito asportare materiale o apportarne di tipo estraneo.

Su tutto vigileranno la capitaneria di porto e la polizia locale. Il non rispetto degli obblighi comporterà multe da 25 a 500 euro.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Tortora, Papa: “Mozioni su ambiente e sanità accolte in consiglio”

Assistenza sanitaria nel centro storico e nelle zone rurali e una centralina idroelettrica portate all’attenzione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright