Home / COMUNICATI STAMPA / Il Parco del Pollino in un un progetto per la trota mediterranea

Il Parco del Pollino in un un progetto per la trota mediterranea


Life streams, iniziativa europea per la sopravvivenza della specie. Interessati anche i fiumi Lao, Argentino, Esaro e Abatemarco.

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

ROTONDA – Anche il Parco nazionale del Pollino è incluso in Life streams, progetto europeo per la conservazione della trota mediterranea.

Ne saranno coinvolti i fiumi Lao e affluenti, Grassa, Argentino, Campolungo, Rosa, Esaro, Grondo, Abatemarco, Peschiera e Frido.

L’obiettivo principale è il recupero e la conservazione di questa specie protetta e a rischio di estinzione in Italia a causa di pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat e introduzione di specie aliene.

Questa specie di pesce d’acqua dolce è già estinta in molti fiumi italiani e sostituita dall’alloctona trota atlantica o dai suoi ibridi.

Sono quindi previste azioni di conservazione della trota mediterranea, risolvendo il problema delle specie non autoctone legate alle attività di pesca, dell’inquinamento e il contrasto al bracconaggio, sempre con il coinvolgimento della comunità locale.

In particolare, le comunità locali di pesca sportiva che operano nelle aree del progetto e che verranno coinvolte con la sperimentazione di una particolare pesca selettiva.

“In questo modo – spiega una nota –, la pesca sportiva potrà essere consentita all’interno di alcuni corsi d’acqua nelle aree protette italiane e diventare un utile strumento di conservazione.

Inoltre, la presenza di una specie endemica non diffusa altrove può fungere da richiamo per pescatori e naturalisti ricreativi, garantendo i benefici socio-economici prodotti dal turismo in aree altrimenti potenzialmente svantaggiate”.

Del progetto fanno parte altre aree pilota, oltre al parco del Pollino: Sardegna, Parco nazionale della Majella (capofila), Parco regionale di Montemarcello-Magra-Vara, Parco nazionale delle foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e Parco nazionale dei Monti Sibillini.

Tra i partner figurano l’Agenzia forestale regionale per lo sviluppo del territorio e dell’ambiente della Sardegna, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), Legambiente, Noesis snc, e il dipartimento di Chimica Biologia e Biotecnologie dell’Università degli studi di Perugia.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

carabinieri scalea

Denise Pipitone, accertamenti in corso su una ragazza a Scalea

I carabinieri della locale compagnia collaborano con la Procura di Marsala dopo una segnalazione su …

error: Materiale protetto da copyright