Home / SANITÀ SALUTE BENESSERE / CORONAVIRUS / Diamante, seconde case: le regole per l’estate 2020

Diamante, seconde case: le regole per l’estate 2020


Nelle case vacanza si rispetterà il rapporto superficie abitanti. Gli occupanti devono comunicare loro generalità e periodo di permanenza.

green multiservice disinfezione

DIAMANTE – Seconde case a Diamante estate 2020: obblighi di comunicazione e contingentamento degli occupanti di ogni abitazione.

Queste in sintesi le regole stabilite dal sindaco Ernesto Magorno con una ordinanza che regola la ricettività nelle case vacanza della nota località turistica della Riviera dei Cedri.

In essa si richiama il rispetto del Decreto ministeriale della Sanità del 1975 sui requisiti dei locali d’abitazione che prevede misure minime (altezza e superficie) sia per l’intera abitazione che per i singoli ambienti.

Ad esempio, per ogni abitante di una seconda casa deve essere garantita una superficie abitabile di 14 metri quadrati, oppure 10 metri per ognuno dei successivi. Tradotto, in un appartamento da 60 metri quadrati non possono soggiornare più di 4 persone, e così via.

L’ordinanza, inoltre, stabilisce che dal 3 giugno vige l’obbligo di comunicazione della propria presenza in seconde case del territorio comunale.

Proprietari o titolari di diritti di godimento, locatari, parenti, congiunti e ospiti che siano essi residenti o non residenti, almeno 24 ore prima dell’occupazione dell’immobile (e per una sola volta se di proprietà, ndr), devono comunicare: date di inizio e fine della permanenza nell’immobile di ognuno degli occupanti.

Della casa vacanza occupata vanno inoltre comunicati i dati catastali e l’ubicazione. È obbligatorio anche comunicare eventuali variazioni del numero degli occupanti.

La comunicazione avviene attraverso uno spazio dedicato sul sito istituzionale del comune. Precisamente, bisogna navigare la parte centrale della home page e trovare l’avviso in evidenza.

Come avvenuto in altri centri, queste misure hanno suscitato qualche commento negativo, ma l’amministrazione comunale ha voluto fornire alcune precisazioni.

“Intendiamo semplificare l’attuazione di tali disposizioni – si legge in un comunicato stampa –, per venire incontro alle esigenze poste dai cittadini interessati e per questo alcune modifiche sono state apportate.

In tal senso è stato già limitata ad una sola ed iniziale comunicazione l’occupazione delle seconde case di proprietà. Si intende inoltre tranquillizzare gli ospiti della nostra città che non vi è da parte dell’amministrazione comunale, al di là dei metri quadrati occupati, alcuna intenzione di dividere gli effettivi nuclei familiari che vogliono trascorrere le loro vacanze nelle seconde abitazioni di proprietà.

Si vuole anche sottolineare come le misure che impongono di comunicare gli spostamenti di chi giunge da fuori regione siano stati adottati da un’ordinanza emanata della Regione Calabria e che quindi valgono per tutto il territorio regionale e non sono ascrivibili alla nostra volontà”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Buoni spesa Covid a falsi poveri

False attestazioni per metà delle famiglie tropeane che lo hanno richiesto, compresi esponenti della criminalità …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright