Home / IN PRIMO PIANO / Spiagge libere Praia a Mare, ok a noleggio ombrelloni

Spiagge libere Praia a Mare, ok a noleggio ombrelloni


Lo ha disposto una nuova ordinanza del sindaco Antonio Praticò. Ecco tutte le regole per usufruire delle spiagge non in concessione.

green multiservice disinfezione

PRAIA A MARE – Sulle spiagge libere del Comune di Praia a Mare è consentito noleggiare ombrelloni.

E’ quanto dispone una nuova ordinanza del sindaco Antonio Praticò emanata nelle ore scorse per regolamentare l’arenile non ceduto in concessione in rispetto delle normative anti-covid.

CLICCA QUI E SCARICA L’ORDINANZA

Spiagge libere Praia a Mare, noleggio ombrelloni

Nel dettaglio, si specifica che gli eventuali noleggiatori che saranno autorizzati dovranno limitarsi ad affittare ombrelloni e non potranno pre-posizionare attrezzature da mare sulla spiaggia.

Vietato inoltre fornire qualsiasi altro servizio che non sia quello di noleggio.

Nella loro attività dovranno inoltre tenere conto del limite massimo di capienza consentita dalla spiaggia libera e che ogni ombrellone dovrà servire una superficie minima di 20 metri quadrati.

Questa scelta del sindaco ha immediatamente provocato reazioni negative. “Non si può – commenta il gruppo di minoranza Noi per Praia – non segnalare la strana previsione della possibilità di noleggiatori in spiaggia, senza alcun altra indicazione.

Chi sarebbero tali soggetti? In base a quale bando o autorizzazione opererebbero? Come potranno garantire l’igienizzazione e l’eventuale controllo che gli si demanda, peraltro, con quale autorità?” chiede il gruppo.

Gli stessi dubbi sono stati espressi dal movimento politico Praia bene comune che si chiede inoltre “come l’attività del noleggio coesisterà con i frequentatori della spiaggia libera dotati di propria attrezzatura“?

Insomma, critiche per poca chiarezza e scarsa tempestività nell’adottare misure.

Tutte le regole per le spiagge non in concessione

Spiagge libere Praia a Mare

L’ordinanza sulle spiagge libere del comune di Praia a Mare prevede inoltre:


  • Divieto di assembramento e distanza interpersonale di almeno 2 metri.
  • Divieto di stazionamento e assembramento oltre il tempo strettamente necessario in corrispondenza degli accessi alla spiaggia e della battigia.
  • Lettini, sdraio e teli da mare devono essere distanti tra loro almeno 2 metri tranne che per chi non è soggetto a distanziamento sociale per legge.
  • Ombrelloni distanti uno dall’altro almeno 6 metri.
  • Rispetto delle disposizioni nazionali e regionali.
  • Obbligo di rimozione dei rifiuti dalla spiaggia all’atto di andare via.
  • E’ opportuno – recita l’ordinanza – che i fruitori traccino il perimetro di ogni ombrellone utilizzando nastro segnaletico per una superficie non superiore ai 20 metri quadrati.
  • Divieto permanente di: lasciare attrezzatura in spiaggia dopo il tramonto, occupare i primi 5 metri della battigia, stazionare con tende, portare animali (esclusi cani per non vedenti, fare attività ludica, musica ad alto volume, commercio ambulante, corsi e manifestazioni senza autorizzazione dell’ente, gettare rifiuti e fare falò, fare pubblicità, utilizzare bombole a gas senza autorizzazione, posizionare gavitelli di ormeggio senza concessione.

About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Mucca cade in un burrone: salvata dai vigili del fuoco [VIDEO]

I caschi rossi di Lauria hanno richiesto l’intervento di un elicottero per soccorrere l’animale in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright