Home / IN PRIMO PIANO / Tirocinanti Calabresi: la Regione vuole stoppare i tirocini

Tirocinanti Calabresi: la Regione vuole stoppare i tirocini


Secondo i circa 7 mila precari la Giunta vuole dirottarli verso il settore privato, ma l’ultimo documento parla di “ripresa”.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

CATANZARO – Stop all’attivazione di tirocini presso enti e dirottamento di circa 7 mila lavoratori calabresi esclusivamente verso i privati.

A sostenerlo sono i Tirocinanti calabresi utilizzati presso enti territoriali e ministeriali. A giugno scorso, avevano chiesto al Governo Santelli di riconoscere loro lo status di lavoratori subordinati.

“Siamo senza garanzie occupazionali” dicono in un comunicato, e la Regione Calabria avrebbe “avanzato la proposta di non attivare più alcun tirocinio“.

Una notizia della quale, però, non siamo riusciti a trovare traccia in atti ufficiali. L’ultimo aggiornamento fornito il 2 luglio dal dipartimento Lavoro della Regione Calabria è un avviso rivolto ai soggetti ospitanti e ai lavoratori precari stessi.

La comunicazione riguarda il cumulo delle ore per il tirocinio “Giustizia” e “Mibact area 3” nel periodo di sospensione delle attività causa Covid-19. “Le ore effettuate nel mese di marzo 2020 verranno cumulate con quelle del mese di effettiva ripresa del percorso formativo“.

Quindi, quantomeno per i percorsi Giustizia e Mibact 3 la Regione parla di “ripresa”.

Tuttavia, tra i tirocinanti serpeggia timore che va ad aggiungersi alle conseguenze negative della loro datata precarietà.

“Si ha intenzione di parcheggiare queste persone – dicono -, pertanto declassandole, presso il settore privato con manifestazioni rivolte alle aziende private per incentivare l’inserimento di chi ha svolto percorsi formativi con la Regione.

E ancora: “Con questo terribile escamotage, si troveranno sradicati con quelle competenze acquisite di anno in anno, per essere dirottati nella selva oscura del privato.

Quindi – proseguono -, il futuro che si prospetta per i tirocinanti calabresi, dopo anni e anni di formazione finanziata nei settori in cui operano, avrà l’odore di beffa, anche per l’ingente entità di risorse investite in questi anni per qualificarli nei settori in cui operano.

E le sigle sindacali (Cgil, Cisl e Uil) – concludono – saranno compiacenti con questo misfatto a danno dei tirocinanti calabresi che oltre all’abbandono
da parte dell’attuale giunta
, non hanno mai trovato gradimento da parte dell’attuale governo Pd-5 Stelle”?


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

incidente stradale cedro bmw fiat

Santa Maria del Cedro, incidente stradale su via Degli Ulivi

Scontro tra due automobili nei pressi dello svincolo di Grisolia. Non ci sarebbero conseguenze per …