Home / CRONACA / Diamante, rissa e armi in centro. Magorno: “Noi sappiamo difenderci”

Diamante, rissa e armi in centro. Magorno: “Noi sappiamo difenderci”


Dopo i fatti di ieri il sindaco si scaglia contro “sciacalli, spacciatori, discotecari e forze politiche controllate”.


DIAMANTE – “Chi ha agito ieri lo ha fatto con il chiaro intento di colpire la città di Diamante, ma ha trovato davanti a sé forze dell’ordine affiancate da cittadini pronti a difendersi“.

Questo è un passaggio della conferenza stampa di questa mattina di Ernesto Magorno, sindaco di quella Diamante dove ieri si è consumata una aggressione fisica e armata a danno di alcuni commercianti nei pressi di piazza XI febbraio e del lungomare.

Quattro persone sono state arrestate dai carabinieri e, in alcuni casi, all’individuazione e al fermo degli aggressori hanno collaborato alcuni cittadini presenti e componenti dell’amministrazione comunale.

Ecco alcuni passaggi del discorso del primo cittadino.

ernesto magorno diamante
Ernesto Magorno, sindaco del Comune di Diamante

Un plauso ai cittadini presenti ieri sul posto che hanno agito per evitare il peggio ancor prima dell’arrivo delle ottime forze dell’ordine, carabinieri e polizia municipale.

Sono stati arrestati tutti e la gente di Diamante, noi compresi, ha partecipato attivamente all’arresto dei primi 3 delinquenti, mentre l’ultimo, pare il più pericoloso, è stato fermato dal vicesindaco Pino Pascale e da un vigile urbano della città di Diamante.

Abbiamo dato la dimostrazione di come quella diamantese sia una comunità che si sa difendere.

Da quando ci siamo insediati abbiamo combattuto lo spaccio della droga. L’anno scorso abbiamo fatto in modo che non aprisse una discoteca, liberando il paese da una oppressione decennale.

Tutti conosciamo i problemi di ordine dovuti anche alle automobili parcheggiate fin sopra la statale. E le migliaia di persone che, riversandosi nelle strade di Diamante, devastavano la città e disturbavano il soggiorno di cittadini residenti e villeggianti.

L’anno scorso abbiamo messo un limite all’orario per fare musica, generando la chiusura delle discoteche.

Metto in chiaro che non ho problemi con chi fa o frequenta le discoteche, ma con i discotecari che mi hanno aggredito.

Hanno detto che ho orientato la giunta di Centrodestra alla chiusura delle discoteche, nonostante io sia di Italia dei Valori, forza di Centrosinistra.

Lo hanno detto, questi discotecari, e lo hanno fatto dire anche a esponenti importanti di associazioni di categoria calabresi. Hanno provato a creare un clima di odio verso Diamante.

E’ quello che succede se colpisci le discoteche, posti dove francamente si spaccia più che in altri. Se chiudiamo locali che per anni sono stati protetti, è chiaro che disturbi gli affari della droga e dai fastidio.

Quando mandiamo le forze dell’ordine su spiagge dove ci sono ragazzi in preda agli spacciatori è chiaro che colpiamo i loro sporchi affari.

Questi vermi, questi delinquenti, hanno provato a intimidirci ma hanno sbagliato indirizzo.

Prendetevela con me – ha aggiunto Magorno – che in qualità di primo sindaco mi assumo la responsabilità delle regole di Diamante. Non prendetevela con i cittadini.

Noi non torniamo indietro, chi lo pensa sbaglia. Discotecari e delinquenti hanno provato ad aggredirmi. Quattro sciacalli arrabbiati e con la schiuma alla bocca perché abbiamo colpito i loro interessi.

C’è chi, mentre il sangue del povero Augeri bagnava un marciapiede di questa città, dormiva comodamente nella propria casa perché aveva abbandonato la città a sé stessa.

Ieri, il capo sciacallo si aggirava a Diamante ma ha avuto una brutta sorpresa. Ha trovato una Diamante sicura. Ieri non è successo un fatto di insicurezza, ma di capacità di difesa nella legalità.

Con le ordinanze preveniamo e con l’azione concreta difendiamo la città. C’era tutta l’amministrazione in strada ieri! Perché siamo persone senza interessi. Se pensate di intimidirci avete sbagliato indirizzo. Noi siamo presidio di legalità.

Continueremo con le ordinanze a garantire la sicurezza di tutti. Ormai, il mio ufficio l’ho trasferito per strada e sulle spiagge, dove parlo con la gente“.


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Skalea è Solidale, volontari raccolgono cibo

L’associazione cittadina, non nuova a queste iniziative, ha organizzato la raccolta e la distribuzione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright