Home / COMUNI / CETRARO / Elezioni amministrative 2020, la proposta della Cgil ai candidati

Elezioni amministrative 2020, la proposta della Cgil ai candidati


Documento della rappresentanza territoriale. Punto per punto i suggerimenti di buone pratiche per chi corre alle comunali.

lido azzurro calabria santa maria cedro mare

Partire dalla legalità e dal contrasto alla ‘ndrangheta per agire in una visione di sistema, progettare e attrarre finanziamenti per cogliere opportunità di crescita, sviluppo, lavoro e welfare inclusivo.

La Cgil territoriale avanza la sua proposta ai protagonisti delle imminenti elezioni amministrative del 20 e 21 settembre 2020 nei comuni del Tirreno cosentino.

Si vota per il rinnovo dei consigli comunali di Tortora, Scalea, Grisolia, Orsomarso, Cetraro e Papasidero.

“La Cgil è pronta al confronto di merito con i candidati a sindaco che intenderanno esercitare attraverso confronto, con le liste in competizione dello stesso comune, o in autonomia, la buona e preziosa pratica del dialogo sociale”.

Lo affermano Giuseppe Guido e Mimma Iannello, rispettivamente segretario generale Tirreno e responsabile Pollino Sibaritide Tirreno della Cgil.

Ecco sinteticamente i dettagli della proposta Cgil rivolta agli amministratori di oggi e domani.

  • Assumere come pratica caratterizzante del proprio agire la partecipazione ed il confronto con le parti sociali, il mondo associativo e la cittadinanza anche adattando gli statui comunali, sottoscrivendo protocolli con i sindacati e aumentando i momenti di approfondimento partecipato.
  • Dichiarare il rifiuto del voto mafioso e agire per la lotta alla ‘ndrangheta, alle clientele e alla corruzione.
  • Sostenere la creazione di lavoro per combattere fenomeni come lo spopolamento.
  • Recuperare le aree industriali dismesse per uso sociale e produttivo attraverso l’individuazione di filoni di investimento che abbiano carattere produttivo virtuoso e sostenibile.
  • Innovare e cogliere le opportunità della programmazione ordinaria e comunitaria.
  • Ideare un Piano territoriale per il lavoro nel quale far confluire gli investimenti e combattere lavoro nero e sommerso.
  • Operazione verità sui conti degli enti in crisi finanziaria e strategie socialmente sostenibili di rientro dal deficit.
  • Piani comunali anticorruzione e antievasione.
  • Personale comunale selezionato per concorsi, formato, aggiornato e in rotazione per disinnescare incrostazioni e privilegi.
  • Piani socio-sanitari di zona per garantire i servizi all’infanzia, ai giovani, agli anziani, alle famiglie, alle donne, alle comunità LGBT, agli immigrati.
  • Conferenza di servizio aperta dei sindaci dell’ex Asl, per costruire una proposta unitaria di sanità da portare al confronto della struttura commissariale provinciale e regionale per rivendicare la garanzia di servizi.
  • Miglioramenti in settori chiave come istruzione e turismo.

Il Tirreno cosentino per la Cgil è un territorio “esposto a profonde trasformazioni che riguardano il tessuto produttivo, il mondo del lavoro, il tessuto sociale, l’assetto urbano e paesaggistico. Occorre ripensare il modello di sviluppo locale per sottrarlo alla decrescita e alla desertificazione d’impresa e occupazionale”.

Di fronte a queste mutazioni “bisogna agire ora e non dopo”, sostengono i due sindacalisti.

“Il territorio ha necessità di un vero shock di politiche economiche, occupazionali, di welfare, ambientali, per impedire la lenta decrescita e lo sperpero delle sue migliori risorse”.

Questo perché negli ultimi 2 anni – aggiungono – i 18 comuni del Medio e Alto Tirreno cosentino hanno chiuso con un saldo negativo demografico di 760 residenti.

Molti giovani emigrano per mancanza di lavoro e le aree interne e molti comuni della costa si svuotano progressivamente di giovani e anziani”.

Al centro di tutto, il lavoro. Intorno al tema principale gravitano la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e ambientale, delle potenzialità turistiche e del terziario.

E ancora, il potenziamento delle infrastrutture, il miglioramento dell’offerta di servizi sociali e sanitari e di trasporto pubblico.

“L’ammodernamento e l’efficientamento della macchina amministrativa e dei suoi servizi (rifiuti, idrico, depurazione, coste, mobilità urbana, commercio, sociale, scuole) che necessita di essere liberata da ritardi, disservizi, carenze di organico, condizionamenti e opacità che l’hanno interessata, in alcune realtà, di inchieste, commissariamenti e gravi disavanzi finanziari”, dicono dalla Cgil.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

danisa romena denise pipitone scalea

“Non sono Denise Pipitone”, la ragazza controllata a Scalea parla in Tv

Si chiama Danisa e ha reso dichiarazioni in collegamento da Scalea alla trasmissione Pomeriggio Cinque …

error: Materiale protetto da copyright