Home / IN PRIMO PIANO / Sanremo Giovani, in finale il lucano M.e.r.l.o.t

Sanremo Giovani, in finale il lucano M.e.r.l.o.t


Selezionato dalla commissione artistica guidata da Amadeus. Da oggi disponibile in download il singolo “Sette Volte”.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

“Sette Volte”, il nuovo singolo di Merlot per Virgin Records/Universal Music Italia è disponibile da oggi in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Il giovane cantautore lucano, cresciuto a Grassano in Basilicata, è stato selezionato dalla commissione artistica delle Nuove proposte guidata da Amadeus per la finale di Sanremo Giovani

Giovedì 17 dicembre in prima serata su Rai Uno e Radio2 in diretta dal Casinò di Sanremo si sfideranno in dieci artisti e solo sei passeranno e saranno le nuove proposte in gara per il Festival di Sanremo 2021.

Prodotta insieme ad Alex D’Errico e Matteo Cantaluppi, “Sette volte” presenta, fin dal primo secondo, il suono delle chitarre elettriche graffianti che avanzano insistenti verso il ritornello.

Le parole sono autenticamente Merlot: disilluse, dirette e malinconiche. In contrasto, tonalità e melodia sono solari e positive.

“Sette volte è una parte un pò diversa di M.e.r.l.o.t. Diciamo che quando l’ho scritta pensavo a Sanremo, ma un anno fa era impensabile parteciparci – commenta l’autore –.

Di sette volte mi piace il fatto che ha una melodia molto positiva accostata a parole malinconiche.

Per me questo è un pro, ma potrebbe essere un contro per tutti quelli che si limiteranno ad ascoltare solo la musica e non si soffermeranno anche sulle parole, potrebbero prenderla come una canzonetta”.

Mi sono innamorato sette volte
Tutte e sette stronze
Non era mai quella giusta per me
Lo so me lo dite tutti
Cazzo ne sapete quello che è giusto per me
Forse mi piace stare male
E l’illusione mi fa bene
Perché cerco la perfezione
Nelle lame belle ma affilate

“Finora il suo nome è stato ancora lontano dai radar ma, attenzione, qui gli ingredienti per il salto ci sono tutti – dice di lui Rolling Stone –.

La stanzetta a Bologna, da bravo fuori sede addobbata con un microfono e lo stretto necessario per l’home studio con cui registrare le strofe ritagliate tra una lezione e l’altra.

Nonostante il percorso di Merlot sia iniziato soltanto due anni fa, la crescita di questo ragazzo nato nel 1998 è stata impressionante, capace di giocare tra i generi musicali armonizzando perfettamente le metriche rap con l’immaginario indie, ballad da groupie sognanti e una penna davvero fuori dal comune”.

All’anagrafe Manuel Schiavone, M.e.r.l.o.t nasce il 20 febbraio 1998 e cresce a Grassano in Basilicata.

Nel 2017 si trasferisce a Bologna per proseguire gli studi e inizia a muovere i primi passi nella musica passando dalle sonorità acustiche a quelle elettroniche con l’aiuto del suo primo produttore, Eyem

Nonostante all’inizio avesse un budget limitato, riesce a produrre i primi pezzi e con il suo singolo d’esordio “Ventitrè” raggiunge in poco tempo quasi quattro milioni di stream consacrandosi come rivelazione Spotify a fine 2019. Si convince così a seguire definitivamente il suo talento. 

Nel 2020 debutta in Virgin Records con il brano “Sparami nel Petto”, che raggiunge oltre 1 milione di stream su Spotify.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

praia consiglieri

Amare Praia, interrogazione a De Lorenzo su attività dei consiglieri delegati: “Approvate 4 deliberazioni in maniera irregolare”

“Perché consiglieri delegati svolgono attività degli assessori”? Il gruppo di minoranza chiede lumi al sindaco …