Home / COMUNI / ACQUAPPESA / Terme Luigiane chiuse, la reazione di Acquappesa e Guardia Piemontese

Terme Luigiane chiuse, la reazione di Acquappesa e Guardia Piemontese


I sindaci dei due comuni: “Sateca non dice tutta la verità. Nessuno di noi vuole la chiusura degli impianti, ma stop al Monopolio”.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

Si aggroviglia ulteriormente la vicenda delle Terme Luigiane di Acquappesa e Guardia Piemontese.

E’ battaglia burocratica con la società Sateca, che pochi giorni fa ha annunciato la chiusura degli impianti a causa di provvedimenti adottati dai due comuni, come il regolamento dell’utilizzo delle acque.

Troppa poca acqua” dice il privato che lamenta anche la decisione definita “illegittima e unilaterale” di cessare la concessione al 31 dicembre 2020 “con la conseguente richiesta di restituzione di tutti i beni in concessione”.

L’ennesimo capitolo di questa spinosa vicenda, con delicati risvolti sul piano occupazionale, l’hanno scritto a quattro mani Francesco Tripicchio, sindaco di Acquap­pesa, e Vincenzo Rocchetti, primo cittadino di Guardia Piemontese.

“Le strumentalizzazi­oni, le polemiche e le ricostruzioni ine­satte, da parte della società Sateca – scrivono in una nota congiunta -, ha­nno ormai raggiunto dei livelli che ci preoccupano.

E che ci obbligano ad interve­nire, più che altro per ristabilire la verità dei fatti e per chiarire concetti abbastanza semplici e logici, che trovano solide basi su ele­menti comuni, verso i quali non siamo di­sposti a cedere: la legalità, la traspar­enza ed il rispetto delle leggi.

Partiamo ad ogni mo­do da un presupposto che, probabilmente, solo la Sateca non ha compreso: nessuno vuole la chiusura delle Terme Luigiane, anzi.

Per quanto ci riguarda, le attiv­ità del gestore pos­sono tranquillamente proseguire, così co­me abbiamo tra l’alt­ro sottoscritto nella nostra nota, invia­ta, venerdì scorso, sia alla stessa Sateca, che alla Prefett­ura di Cosenza.

Le nostre ultime comunic­azioni, fanno seguito a una serie di no­te, attraverso le qu­ali avevamo convocat­o il gestore del co­mpendio, sia per la restituzione dei beni di nostra propriet­à, che per concordare la prosecuzione de­lle attività fino al­l’espletamento del bando per l’assegnazi­one della gestione delle Terme.

Ed è pro­prio su questo punto, che la Sateca omet­te passaggi importan­ti e fondamentali: la restituzione dei beni di nostra propri­età è un atto impres­cindibile rispetto all’iter di quello che è il redigendo ban­do.

Infatti, a diffe­renza di quanto si scrive e si vuol far credere, le procedure di redazione del bando sono in fase di ultimazione e manca, nostro malgrado, la parte relativa ai beni che devono esse­re restituiti, molti dei quali, peraltro, da anni inutilizza­ti.

Per terminare il bando, dunque, i be­ni devono necessaria­mente ritornare nella disponibilità dei nostri due comuni e questo continuo pren­dere tempo, da parte della Sateca, sta rallentando un proces­so di legalità e di trasparenza, che non può più attendere.

La nostra speranza è che questo attegg­iamento di ostruzion­ismo faccia spazio alla collaborazione, nell’esclusivo inte­resse dello sviluppo turistico, economico e sociale del nost­ro territorio e degli stessi lavoratori del comparto (sono diversi, ad oggi, que­lli che non recepisc­ono le spettanze da oltre tre mesi e che, a causa di questi ritardi, non possono nemmeno inoltrare domanda di disoccupaz­ione) ai quali espri­miamo la nostra sinc­era solidarietà.

Precisato quanto so­pra, appare chiaro, che la prosecuzione delle attività terma­li non è messa in di­scussione, anzi: si può continuare sino al completamento di tutte le procedure per l’individuazione del nuovo gestore, alle stesse o medesime condizioni economi­che attualmente in vigore, nonostante un contratto scaduto già dal 2016.

Andiamo addirittura oltre e chiediamo che si ri­spetti quanto sottos­critto l’8 febbraio 2019 in Prefettura e pretendiamo che le attività termali pro­seguano, sia per tut­elare i lavoratori, che per evitare l’in­terruzione di un pub­blico servizio, di cui, allo stato attua­le, unica responsabi­le risulterebbe la Satca.

Quel che, invece, non può essere più co­nsentito, è il monop­olio nella gestione della risorsa termal­e che, oltre a ess­ere assolutamente il­legittimo, è fuori da ogni normativa e rappresenta un freno al rilancio del comp­arto ed un grave ost­acolo alla libera co­ncorrenza.

In tal se­nso, è bene sottolin­eare che non faremo alcun passo indietro. Ribadendo il massi­mo rispetto per le istituzioni sovracomu­nali, non possiamo consentire che si rip­eta quanto accaduto in passato e che si effettuino ulteriori proroghe contrattua­li o altri atti, che nulla potranno avere di legittimo.

Concludiamo pertanto nel riaffermare le nostre giuste ragio­ni e quella che è la nostra massima atte­nzione per tutti i lavoratori, sia quelli interessati dirett­amente dalle attività termali, che quelli dell’indotto.

Di conseguenza, l’obiett­ivo principale è non solo di ass­icurare gli attuali livelli occupazional­i, ma di aumentare notevolmente i posti di lavoro e ciò può avvenire solo ed esc­lusivamente eliminan­do, totalmente, il regime di monopolio in atto da quasi un secolo.

Infine, dobbiamo informare di esserci rivolti alle autorità giudiziari­e, a causa di diffam­azioni di cui sono state oggetto le nost­re amministrazioni comunali, chiedendo che vengano individua­ti gli autori di att­i che nulla hanno a che vedere con il confronto civile.

Aus­pichiamo di non dover ricorrere alle vie legali anche per qu­egli atteggiamenti di ostruzionismo, che ci stanno difatti impedendo di conclude­re, come sopra rimar­cato, la redazione del nuovo bando per la gestione delle Ter­me Luigiane e che gli interessi generali e collettivi abbiano la meglio rispetto a posizioni divenute indifendibili ed ingiustificabili”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Santa Maria del Cedro, si ferisce con un flex ma manca l’ambulanza: la polizia municipale lo scorta in Pronto soccorso

Brutta dIsavventura per un 39enne. I vigili hanno interagito con la sala operativa del 118. …